Do You Speak Chioggiotto?

Mercato di Brondolo, con i lavori di pulizia presto disponibili gli spazi sotto la cupola 

Scritto da il 12 gennaio 2021 alle 19:01
area mercato Brondolo_01

I lavori in corso di pulizia e riqualificazione presso il mercato orticolo di Brondolo è uno dei risultati derivanti dalla convenzione sottoscritta il 28 giugno 2019 tra Chioggia Ortomercato del Veneto Srl ed Sst Spa, alla presenza del Comune di Chioggia.

Lo ricorda l’assessore all’Agricoltura e alle Partecipate Daniele Stecco: «Con la convenzione da me proposta e sottoscritta nel 2019 dall’amministratore unico di SST Spa Avv. Emanuele Mazzaro e dall’amministratore unico di Chioggia Ortomercato del Veneto Srl Giuseppe Boscolo Palo, si era allora concluso l’iter per individuare il soggetto gestore del mercato orticolo, ovvero Chioggia Ortomercato del Veneto, con gli obiettivi dichiarati di riqualificare l’area, rilanciare il mercato e offrire nuovi servizi per gli operatori».

«Un aspetto importante – continua l’assessore all’Agricoltura e alle Partecipate – era ricavare anche nuovi spazi utilizzabili, ecco che alla fine dello scorso anno sono iniziati i lavori di pulizia e riqualificazione, tutt’oggi in corso, per liberare lo spazio abbandonato sotto la cupola a Brondolo, diventato in tanti anni un magazzino in stato di abbandono. La maggior parte del materiale, come vecchi lampioni e transenne rotte, sarà smaltito tramite Veritas, mentre i faldoni logori e gli scatoloni saranno portati in cartiera. Gli oggetti da tenere, invece, verranno ricollocati in modo ordinato nei piazzali esterni del mercato».

«Tutta questa grande pulizia – conclude l’assessore Stecco – è necessaria per ricavare l’area per il nuovo centro cottura, ma anche per la manifestazione di interesse da parte di privati per sistemare ed occupare gli spazi sotto la cupola. In questo modo iniziamo a riqualificare un’area assolutamente strategica per rilanciare il settore orticolo, creando anche maggiori contatti con mercati più importanti».

FOTO FIRMA CONVENZIONE 2019

Autore: Admin

[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *