Do You Speak Chioggiotto?

Rete territoriale Veneziana contro la violenza sulle donne, sono 43 gli enti uniti nel nuovo protocollo

Scritto da il 25 novembre 2020 alle 20:11
127222253_778032896086376_5336258679630356372_o

Nasce il nuovo Protocollo veneziano contro la violenza sulle donne. L’Ulss 3 Serenissima, capofila dell’iniziativa, ha promosso la sottoscrizione del documento di 43 istituzioni cruciali del territorio. La carta che condanna e contrasta la violenza di genere coinvolge l’intero territorio dell’Azienda sanitaria, raccogliendo una pluralità di soggetti trasversali. Da oggi si muovono in sinergia per aiutare le donne vittime di ogni genere di abuso, convogliando in un’unica rete le iniziative già presenti nel territorio e partorendo insieme nuovi percorsi virtuosi.

Al suo interno, il documento coinvolge attivamente organismi amministrativi e tribunali, università, forze dell’ordine, amministrazioni civiche, uffici scolastici, sindacati, enti di accoglienza per minori, centri antiviolenza, ordini professionali (come quello dei medici, dei farmacisti, degli psicologi, dei giornalisti, degli assistenti sociali) e molti altri protagonisti.

Ognuna di queste istituzioni si impegna a promuovere al suo interno e a estendere al suo esterno le buone pratiche di sensibilizzazione contro la violenza di genere, ad attivare risorse e progetti comuni per contrastare la discriminazione e l’abuso sulle donne, a condividere tra loro procedure codificate di accoglienza e presa in carico delle vittime (compresi eventuali figli minori), ad attivarsi nei confronti degli uomini autori di violenza per prevenire comportamenti maltrattanti e ridurne la recidiva, a promuovere l’aggiornamento professionale all’interno degli ordini per specializzare i lavoratori nella gestione di queste tematiche, a promuovere campagne di prevenzione e informazione verso i cittadini, a sostenere percorsi educativi rivolti alle scuole contro la violenza di genere, a elaborare i dati in proprio possesso relativi al fenomeno sulla violenza per studi, ricerche, report ciclici.

Nel primo incontro tecnico operativo virtuale i rappresentanti dei 43 soggetti sottoscriventi si sono collegati da remoto con l’Ulss 3 Serenissima. L’interazione per via telematica è stata scelta per evitare assembramenti in questa seconda ondata epidemica.

“Nel corso di questo primo incontro della nuova rete antiviolenza, sono stati anche anche individuati i soggetti con cui attivare i prossimi tavoli d’azione – dice il direttore generale Giuseppe Dal Ben -. Si tratta di un primo passo indispensabile per coordinare i lavori e rendere la rete realmente ricettiva alle esigenze delle donne vittime di abusi”.

L’esito del protocollo, previsto dal Decreto della Giunta Regionale 863 del 2018, è stato gestito dalla direzione dei Servizi socio sanitari dell’Ulss 3, in collaborazione con i centri antiviolenza e i Comuni del suo territorio di competenza.

“Tra i molteplici obiettivi attribuiti alla rete antiviolenza, vorrei ricordare quello di ‘condividere procedure codificate di accoglienza e presa in carico delle vittime, di invio delle donne a prestazioni specialistiche e ai servizi territoriali e di monitoraggio dei percorsi delle donne al fine di sviluppare strategie operative di intervento che permettano azioni efficaci e integrate a tutela della sicurezza e della protezione delle donne e dei loro figli minori’ – sottolinea il direttore Gianfranco Pozzobon -.  Lo ritengo un obiettivo ambizioso, ma assolutamente prioritario, tenuto conto che l’ambito di azione del protocollo comprende territori quali il Veneziano, il Miranese e il Clodense, che non hanno una consuetudine di lavoro comune in tema di violenza di genere”.

Saranno Ulss 3 e centri antiviolenza a istituire anche i tavoli futuri per rafforzare la nuova rete territoriale: coinvolgeranno di volta in volta soggetti diversi aderenti al protocollo, a seconda della specifica tematica da affrontare.

127511015_1550102068516331_4226626520193587832_n

IL COMUNE DI CHIOGGIA ILLUMINATO DI ROSSO PER LA GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Chi compone la nuova rete territoriale antiviolenza veneziana

Prefettura, questura e forze dell’ordine:

1. Prefettura di Venezia

2. Questura di Venezia

3. Comando provinciale di Venezia dei Carabinieri

4. Comando provinciale della Guardia di Finanza di Venezia

Magistratura e uffici giudiziari:

5. Tribunale civile e penale di Venezia.

6. Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Venezia

7. Ufficio interdistrettuale di esecuzione penale esterna – Dipartimento per la giustizia minorile di comunità – Ministero della giustizia.

Servizi socio sanitari:

8. Ulss 3 Serenissima, capofila

Enti locali:

9. Comitato dei sindaci del Distretto socio sanitario Venezia centro storico, isole ed estuario e del Distretto socio sanitario Venezia Terraferma, Marcon e Quarto d’Altino

10. Comitato dei sindaci del Distretto socio sanitario Mirano Dolo

11. Comitato dei sindaci del Distretto socio sanitario Chioggia

12. Città metropolitana di Venezia

Centri antiviolenza, case rifugio, case di secondo livello per donne vittime di violenza e centri per il trattamento degli autori di violenza:

13. Centro antiviolenza Comune di Venezia

14. Centro antiviolenza Civico donna Comune di Chioggia e Sportello antiviolenza Comune di Cavarzere (cooperativa Domi group)

15. Centro antiviolenza Estia di Venezia, Centro antiviolenza Sonia di Noale, Centro per gli autori di violenza Gru di Venezia e Sportello antiviolenza di Mira e Mirano (cooperativa Iside)

Area dell’educazione e della formazione:

16. Ufficio scolastico regionale per il Veneto

17. Università Ca’ Foscari Venezia

18. Iusve, Istituto universitario salesiano di Venezia

19. Università Iuav di Venezia

20. Centro di Ateneo per i diritti umani “Antonio Papisca” e cattedra Unesco “Diritti umani, democrazia e pace” dell’Università degli Studi di Padova

Area degli ordini professionali:

21. Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Venezia

22. Ordine dei farmacisti della provincia di Venezia

23. Ordine degli psicologi del Veneto.

24. Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione del Veneto

25. Ordine degli assistenti sociali del Veneto

26. Ordine dei giornalisti del Veneto

Organizzazioni sindacali:

27. Aaroi-Emac

28. Anaao

29. Anpo-Ascoti-Fials medici

30. Aupi Fassid

31. Cgil fp

32. Cgil Gruppo medici dirigenti

33. Cimo

34. Cisl fp

35. Fassid Area Snr

36. Fsi Usae

37. Nursing Up

38. Uil Fpl

Altri importanti soggetti:

39. Consigliera di parità della Città metropolitana di Venezia

40. Consultorio socio educativo privato accreditato Aied

41. Lievito cooperativa sociale Mestre Venezia.

42. Casa famiglia San Pio X Patriarcato di Venezia

43. Comitato donne XXV Aprile

Autore: Admin

[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *