Do You Speak Chioggiotto?

Il vicesindaco scrive al commissario straordinario del Mose: è urgente riprendere i lavori al forte San Felice

Scritto da il 25 novembre 2020 alle 19:11
Forte San Felice

L’amministrazione comunale chiede a tutti gli enti coinvolti di superare con celerità questa fase di stallo che sta coinvolgendo le opere compensative del Mose, come il Forte San Felice a Chioggia e la sua oasi naturalistica. Nello specifico, il vicesindaco e assessore all’Ambiente Marco Veronese, nella giornata di ieri ha inviato una lettera di sollecito al Commissario Straordinario del Mose, l’architetto Elisabetta Spitz, al Consorzio Venezia Nuova, all’attenzione dell’ingegner Francesco Ossola e per conoscenza al Ministero della Difesa, Agenzia del Demanio, Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche, Soprintendenza e Comitato San Felice.

«Condividiamo le preoccupazioni sullo stallo dei lavori delle opere complementari al Mose – spiega il vicesindaco e assessore all’ambiente Marco Veronese – nello specifico, i lavori al Forte San Felice non hanno visto, causa emergenza sanitaria, nemmeno la conclusione del primo stralcio (dei tre stralci previsti) del suo progetto di recupero e valorizzazione. Non è iniziata la realizzazione dei percorsi di visita sopra i bastioni e gli interventi di restauro del portale monumentale del Tirali del 1704 si sono fermati questa estate per la crisi dell’impresa e la ditta sostitutiva non ha ancora avuto l’autorizzazione al subentro dal Consorzio Venezia Nuova.

Forte San Felice

Il portale del Tirali rischia un degrado non recuperabile – aggiunge il vicesindaco Veronese – in particolar modo per ciò che riguarda le strutture lignee di copertura. A questo motivo, concreto e oggettivo, si aggiunge un enorme disagio vissuto dalla nostra amministrazione nei confronti della propria comunità, che ha visto con grande entusiasmo l’avvio dei lavori che, poco dopo, sono stati interrotti e non più riavviati, procurando un forte sconcerto generale. Anche la redazione dei progetti di recupero degli altri immobili, compreso il castello della Luppa, e dell’oasi naturalistica è un’attività non procrastinabile, per tutte le fasi programmate dagli enti sottoscrittori dell’importante Protocollo d’Intesa del 2018.

Attendo a breve la convocazione di un nuovo Tavolo Tecnico – conclude il vicesindaco Veronese – in cui ribadirò la necessità che Forte San Felice rientri nell’ordine del giorno del prossimo Comitatone, con un finanziamento della Legge Speciale, che vada ad aggiungersi ai 7 milioni previsti nel Piano Europa, ma non sufficienti per realizzare quanto previsto dal Protocollo d’intesa».

 

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *