Do You Speak Chioggiotto?

Ripascimento della spiaggia, movimentati 20 mila metri cubi di sabbia

Scritto da il 12 luglio 2019 alle 00:07
ripascimento spiaggia

Il Sindaco di Chioggia Alessandro Ferro stamane ha firmato l’ordinanza di divieto di balneazione, nella fascia oraria dalle 21 alle 6 del mattino, per il litorale sud di Sottomarina, per permettere il corretto svolgimento del lavoro di ripascimento autorizzato dalla Regione del Veneto, mediante prelievo delle sabbie in prossimità della diga sud della bocca del porto di Chioggia e al loro trasporto e stendimento lungo l’arenile. Il divieto è in vigore da oggi, giovedì 11 luglio, per al massimo 30 giorni, nei giorni: dalla domenica sera al giovedì mattina.

La ditta esecutrice dei lavori, che sono commissionati dalla Regione del Veneto, dovrà adottare tutti gli accorgimenti necessari al fine di impedire l’accesso a persone o cose nella predetta zona, per salvaguardarne l’incolumità, nonché ogni altra avvertenza al fine di segnalare e interdire l’area.

«Queste attività di ripascimento, fortemente volute dalle associazioni turistiche balneari con cui abbiamo avuto vari colloqui – spiega il Vicesindaco e Assessore all’Ambiente Marco Veronese – sono state autorizzate ora dalla Regione Veneto. Verranno movimentati circa 20 mila metri cubi di sabbia, prelevati dalla cella di San Felice (zona diga) e trasportati di notte via gomma lungo la spiaggia, con appositi camion, per essere stesi a Sottomarina sud, all’altezza della diga soffolta. È facile immaginare che qualche disagio ci sarà e chiediamo sin d’ora la comprensione e la collaborazione di tutti».

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Un commento

  1. Luigi

    12 luglio 2019 at 16:04

    Soldi letteralmente buttati in mare, alla prossima mareggiata tutto verrà perso. Si rimandano all’infinito soluzioni a lungo termine, oggi indispensabili. Tanto paga Pantalone.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *