Do You Speak Chioggiotto?

Cittadini con disagio economico: aiuti in cambio di prestazioni lavorative

Scritto da il 17 aprile 2019 alle 22:04
lavori socialmente utili

«Continua la politica voluta dall’Amministrazione comunale per superare la logica di erogazione di contributi economici puramente assistenziali: con questa iniziativa – commenta l’Assessore alle Politiche Sociali e Sussidiarietà dr. Luciano Frizziero – i contributi previsti dal progetto di reinserimento sociale vengono riconosciuti solo in cambio di un coinvolgimento lavorativo dei destinatari in attività utili per tutta la collettività».

Sono 5 le associazioni di volontariato del territorio clodiense che, a titolo gratuito, in questi ultimi mesi hanno sottoscritto con il Comune di Chioggia un protocollo d’intesa in merito all’attuazione del Progetto regionale R.I.A. – Reddito di inclusione attiva. Si tratta nello specifico: dell’Associazione di volontariato Centro di solidarietà della compagnia delle opere “Anna Dupuis”; del Circolo Auser Ets Volontariato Chioggia; Carità Clodiense Onlus; Vivere Anteas a Chioggia e Asd Arena Artis.  Sono invece 14 le persone individuate dal Settore Servizi Sociali, che in questi giorni stanno iniziando le attività presso le Associazioni aderenti per una durata di 6 mesi, rinnovabile per ulteriori 6 mesi.

Il R.I.A. è un progetto attuato dai Servizi Sociali del Comune grazie ad un finanziamento regionale. E’ rivolto alle persone in carico ai Servizi Sociali dei Comuni partecipanti (Chioggia è capofila nell’ambito del territorio di Chioggia, Cavarzere e Cona) ed è finalizzato al coinvolgimento attivo di cittadini in situazione di disagio socio-economico in prospettiva di un reinserimento sociale, valorizzandone le capacità e superando l’approccio puramente assistenziale di erogazione dei contributi economici.

«I cittadini coinvolti sono impiegati in diverse attività, individuate a seconda delle singole attitudini – continua l’Assessore alle Politiche Sociali e Sussidiarietà dr. Luciano Frizziero – ad esempio come addetti alle piccole manutenzioni, alla preparazione e al confezionamento di generi alimentari, alla segreteria, aiutanti in alcune attività educative o nel trasporto di persone in difficoltà. Riceveranno un riconoscimento economico mensile intorno ai 250 euro, a seguito dell’impegno dimostrato e della valutazione dell’assistente sociale».

Autore: Admin

[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *