Do You Speak Chioggiotto?

Il 7 Dicembre la presentazione del libro “Come dolce canto. Parole e modi di dire di Sottomarina”

Scritto da il 3 dicembre 2018 alle 15:12
Profilo comunità n. 9

“Teniamo alto il nostro modo di parlare, facciamolo galleggiare sopra l’acqua del nostro mare e saremo circondati da echi lontani che, sottovoce, parranno note di musica che escono dall’acqua della laguna, dalla quale siamo circondati, e ‘come dolce canto’ il nostro dialetto continuerà a vivere facendoci sentire orgogliosi di far parte di una comunità che si distingue da tutte le altre”.

La finalità che si pone il nuovo volume di Gianfranco Tiozzo NettiCome dolce canto. Parole e modi di dire di Sottomarina (n. 9 della collana “Profilo di una comunità”, editore Art&print di Piove di Sacco, 279 p., € 15,00) è la conoscenza e la valorizzazione del dialetto marinante.

Per la prima volta viene sistemato un Vocabolario di termini e forme tipici di Sottomarina, strettamente legati al mondo degli orti. Non è solo una proposta linguistica, un lavoro di scavo su un dialetto specifico, ma anche una caparbia rappresentazione di una comunità e in fondo della propria esperienza di vita. Le vecchie parole e i proverbi e modi di dire vengono accompagnati da aneddoti vissuti e storie di paese, ricordi personali e familiari, a voler fissare, rappresentare e trasmettere questo mondo antico. Ne esce uno strumento molto utile, indispensabile, per cogliere aspetti di uno dei dialetti più caratterizzanti del Veneto.

Il volume viene presentato Venerdì 7 dicembre, alle ore 17, presso l’Auditorium comunale di Chioggia (calle San Nicolò), in un incontro su “Il dialetto di Sottomarina”. Oltre all’autore, intervengono: Isabella Penzo, assessore alla cultura; Alessia Boscolo Nata, architetto e studiosa locale; Ferruccio Brugnaro, poeta operaio; Roberto Boscolo Bacchetto, vivaiBacchetto; Pier Giorgio Tiozzo Gobetto, direttore della collana “Profilo di una comunità”.


Profilo comunità n. 9


Gianfranco Tiozzo Netti, classe 1943, è nato e vissuto a Sottomarina e sin da giovanissimo ha fatto l’ortolano, coltivando orti familiari e seguendo l’evoluzione del mestiere fino ad oggi. Dalla metà degli anni settanta ha rappresentato in modo originale il proprio paese e il lavoro sui campi dei marinanti con opere pittoriche dall’espressione spontanea e naif. Con il nuovo secolo ha documentato e interpretato questo mondo anche in scritti poetici e in racconti, alcuni raccolti nel volume Il sale del sudore. Ortolani marinanti del novecento (n. 5 della collana, “Profilo di una comunità”), portando sulla penna la spontaneità, freschezza, fantasia e passione che caratterizza il suo percorso, la consapevolezza dell’importanza di conoscerlo per guardare avanti con maggiore sicurezza. Ora lo racconta nel Vocabolario degli ortolani marinanti.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *