Do You Speak Chioggiotto?

Venezia, celebrati i 30 anni dell’Associazione I Venturieri

Scritto da il 27 maggio 2018 alle 22:05
La goletta Drago_Foto Maccione

La città di Venezia  ha fatto da sfondo al raduno di barche d’epoca conclusosi domenica 27 maggio presso il “SANTELENA Marina in Venice” per celebrare i 30 anni dell’Associazione I Venturieri, fondata nel 1988 con lo scopo di diffondere la cultura della marineria velica. La flotta di imbarcazioni proveniva da tutto l’alto Adriatico e alcune hanno raggiunto Venezia navigando attraverso la laguna. Tanta festa in banchina e presso lo Yacht Club Venezia, dove si è svolto il convegno dedicato a Gian Marco Borea d’Olmo, fondatore dei Venturieri.

LA FLOTTA DE I VENTURIERI AL “SANTELENA MARINA IN VENICE”

Due giornate di sole e temperature estive hanno caratterizzato la celebrazione per il trentennale dell’Associazione I Venturieri (www.venturieri.org), tenutasi dal 26 al 27 maggio scorso presso il “SANTELENA Marina in Venice” di Venezia alla quale ha partecipato una flotta di imbarcazioni a vela d’epoca, classiche e autocostruite, di lunghezza compresa tra 5 e oltre 20 metri, costruite in legno, metallo, ferrocemento e vetroresina tra l’inizio del Novecento e i giorni nostri. Ammiraglia della flotta la goletta aurica di 16 metri Grand Bleu condotta da Marco Pozzi, attuale presidente de I Venturieri.

LE BARCHE E GLI YACHT DESIGNER

Numerosi i visitatori che hanno approfittato di questa 14esima edizione del raduno e dei 30 anni del sodalizio per visitare il ‘SANTELENA Marina’ e conoscere da vicino le barche “da viaggio” tanto amate da I Venturieri, scafi robusti e marini in grado di affrontare lunghe navigazioni d’altura. Tra queste la goletta Drago in ferrocemento, il cutter aurico Santa Maria di Nicopeja del 1901 restaurato dal cantiere veneziano Casaril. Tra gli yacht designer più rappresentati il fiorentino Rodolfo Foschi, specializzato nei progetti di scafi in legno, acciaio e ferrocemento sia per cantieri professionisti che per autocostruttori.

 

Autore: Admin

[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *