Do You Speak Chioggiotto?

Progetto “N.A.Ve 2” contro lo sfruttamento, a Chioggia casi di caporalato nei campi di radicchio

Scritto da il 16 febbraio 2018 alle 18:02
Radicchio inverno-rid

Il Comune di Venezia è capofila del nuovo progetto N.A.Ve, che si occupa di contrastare lo sfruttamento di esseri umani, tra prostituzione e immigrazione clandestina, ma comprende anche sfruttamento lavorativo, caporalato, accattonaggio, matrimoni forzati, riduzione in schiavitù. “Si tratta di un fenomeno pervasivo e sommerso – ha sottolineato l’assessore regionale Lanzarin – difficile da identificare.

Sul tema del caporalato, casi si segnalano anche a Chioggia nei campi di radicchio, come riportato sul Corriere del Veneto nell’edizione di Venezia, A farne le spese lavoratori spesso immigrati da altri paesi la cui forza lavoro è spremuta da cooperative fantoccio con sedi inesistenti.

L’amministratore unico dell’Ortomercato di Chioggia Giuseppe Boscolo Palo ammette questa possibilità, “Ci sono cooperative che offrono manodopera agli ortolani locali. Bisognerebbe verificare i contratti e chi versa i contributi. Ho sentito che ad alcuni produttori arrivano cartelle Inps per contributi non versati dalle cooperative. Chi li doveva versare? E poi, quanto viene pagato un bracciante dalla cooperativa rispetto a quanto costa al produttore?
Il fenomeno esiste e va monitorato e controllato – continua Palo –
Credo che i costi di produzione, è quindi della manodopera che è il più consistente, vadano certificati da un ente terzo e chi fa contratti di vendita del radicchio sotto la soglia vada controllato”.

Conclude poi l’amministratore unico dell’Ortomercato di Chioggia: “La trasparenza -eticità, origine, immagine, qualità- è elemento valoriale fondamentale per un territorio produttivo. Spero si faccia chiarezza.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *