Do You Speak Chioggiotto?

Migranti a Brondolo, sovraffollamento in due immobili

Scritto da il 16 febbraio 2018 alle 18:02
protesta-extracomunitari

L’amministrazione comunale di Chioggia sta controllando, in collaborazione con l’Ulss 3, le strutture private che ospitano migranti nel territorio clodiense. Sembra siano emersi problemi di sovraffollamento negli immobili di Brondolo situati in via Gradenigo e in via Papa Giovanni XXIII.
In particolare in via Gradenigo, “l’Ulss 3 aveva effettuato dei sopralluoghi sul posto dai quali sono emerse le presenze di un maggior numero di persone rispetto a quanto consentito dalle norme igienico-sanitarie – si legge in una nota del Comune di Chioggia – Si intima ai proprietari di provvedere entro trenta giorni allo sgombero delle persone in eccedenza”.

“Le condizioni degli alloggi in via Papa Giovanni XXIII – continua il comunicato – sono risultate inoltre particolarmente precarie. Oltre al sovraffollamento sono emerse situazioni igienico-sanitarie non conformi. Ci sono alloggi inadatti, per conformazione e dimensioni, a essere destinati a locali dormitorio”.

«Tutte le condizioni di irregolarità dovranno essere conformate alle legislazione vigente», ha detto il sindaco Ferro. «Come sappiamo, le competenze degli enti locali in materia di immigrazione sono limitatissime, ma quanto possibile lo stiamo facendo e lo faremo per contenere il fenomeno».

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Un commento

  1. Max

    16 febbraio 2018 at 19:23

    Non si può lasciare in mano ai privati la situazione sta degenerando

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *