Do You Speak Chioggiotto?

Firme per ammodernare la ferrovia

Scritto da il 14 dicembre 2017 alle 13:12
ferrovia

“Non solo Zaia non deve chiudere la ferrovia Chioggia-Rovigo – dice Terry Manfrin, segretario del PD di Chioggia – ma addirittura deve rilanciarla”.

Partirà tra qualche giorno la campagna “Ci scusiamo per il disagio” pensata dai 18 circoli democratici interessati dalla tratta Chioggia/Rovigo/Verona. Raccogliere firme per chiedere l’ammodernamento dell’infrastruttura e dei convogli, permettere il trasporto delle bici in chiave turistica, studiare abbonamenti integrati con le linee su gomma, una campagna social per evidenziare i disagi patiti quotidianamente dagli utenti sono alcune delle iniziative che saranno intraprese nei territori.

La prima iniziativa però riguarderà la proposta al prossimo Consiglio Comunale di un OdG sul rilancio della ferrovia. Lo stesso OdG sarà messo in discussione in tutti i Consigli Comunali dei territori attraversati dalla tratta ferroviaria.

“La ferrovia non è una gentile concessione di Zaia o un privilegio per le città più fortunate – continua Manfrin -. La ferrovia rappresenta una soluzione di trasporto più conveniente in termini di efficienza, economicità e sostenibilità ambientale. Non per altro Zaia finanzia con un miliardo la ferrovia delle Dolomiti e continua a fare accordi con RFI per l’eliminazione dei passaggi a livello sulle altre tratte venete. Trasferire su gomma quello che oggi si può fare su rotaia è un’offesa ai territori e saranno gli utenti – conclude Manfrin – a spigare a Zaia quale autonomia vogliono per il Veneto”.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *