Do You Speak Chioggiotto?

Video: Gpl in Val Da Rio. Segantin, Penzo e Ferro, tutti contro Casson

Scritto da il 23 maggio 2016 alle 15:05
Chioggia comune municipio

Elezioni comunali 2016, a Chioggia domina in questi giorni lo scontro sul tema dell’impianto GPL in Val da Rio.

Segantin, Penzo e Ferro, tutti contro Casson.

Il candidato 5 Stelle Alessandro Ferro tira in ballo responsabilità anche del Pd insieme a quelle del sindaco Casson: “È positivo vedere tutti i candidati contro quest’opera, ma non possiamo non evidenziare determinati comportamenti dei nostri avversari, come le scaramucce avvenute tra PD e Casson sul tema, entrambi corresponsabili dell’attuale situazione ed accomunati da un assordante silenzio sulla questione quando erano in giunta insieme negli anni 2013-2014, ovvero durante le fasi cruciali dell’iter autorizzativo, culminato con l’assenza della giunta nelle conferenze dei servizi ministeriali”. “Assenze pesantissime – aggiunge Ferro- in quanto furono le occasioni per manifestare il dissenso del Comune di Chioggia all’opera e mentre invece vennero sostituite dai pareri positivi del dirigente all’Urbanistica comunale. Il tutto nella totale assenza di informazione nei confronti dei cittadini, i quali saranno i primi a pagare per gli errori dell’amministrazione. Tutta la faccenda – chiude il candidato 5 Stelle- resterà una macchia indelebile sulla storia di questa amministrazione ed avrà sicuramente pesanti conseguenze per la città di Chioggia”.

Anche la candidata del PD Barbara Penzo punta il dito contro Casson: «Il Sindaco Giuseppe Casson deve assumersi le proprie responsabilità. Renda conto alla città dei motivi per cui non ha partecipato alle Conferenze di servizi presso il Ministero dello Sviluppo Economico, nella cui sede si sarebbe potuto esprimere un parere negativo. Casson ha preferito, invece, che fosse il dirigente competente, con tre mere comunicazioni, a dare il via libera a questa scellerata opera. Il Sindaco continua a piangere sul latte versato, le responsabilità su questa vicenda stanno tutte in capo al sindaco che, per ruolo, funzione e prestigio, rappresenta l’intera comunità clodiense. Casson continua a non rendere partecipi i cittadini di quello che sta accadendo tanto che, recentemente, si è recato alla Commissione Grandi Rischi e non ha fornito alcun riscontro alla città sull’esito dell’incontro. Bisogna sottolineare infine che il Sindaco è l’unico interlocutore con Aspo e la sola persona che poteva indirizzare politicamente l’operato del dirigente all’urbanistica, ragion per cui aveva tutti gli strumenti per intervenire». Daniel Tiozzo, in aggiunta alle dichiarazioni della Penzo, ha pubblicato anche un video sulla sua pagina pubblica di Facebook (clicca qui per vederlo).

Pure la candidata di ChioggiaViva Marcellina Segantin tallona Casson e parla di documenti che dimostrerebbero la conoscenza del Comune circa il processo di arrivo del deposito di GPL. In questa intervista rilasciata a ChioggiaTV e Chioggianews24 la presentazione di tali documenti.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Un commento

  1. boscolo

    23 maggio 2016 at 21:43

    Evvvai, era ora !!
    Sono mesi che insisto a ripetere i medesimi fatti (con documenti alla mano) che ha detto la Segantin.
    Ma il CLAN Casson ritiene “SCHIFEZZE” i miei commenti e li boicotta. (boscolo)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *