Do You Speak Chioggiotto?

Roma, spiraglio dal demanio per i 200 abitanti della zona “vecchia” di Sottomarina

Scritto da il 16 aprile 2015 alle 11:04
Casson

Ieri mattina il sindaco Casson è stato a colloquio con il direttore generale dell’Agenzia del demanio, dott. Roberto Reggi, per affrontare una serie di questioni legate alla città.
Sul tavolo delle trattative, già discusse in sede regionale con il dott. Vincenzo Capobianco, temi cruciali, come l’annosa questione delle abitazioni sul Lusenzo della zona vecchia di Sottomarina, la problematica del possesso contestato di parte di Viale Mediterraneo, il trasferimento al Comune della zona dei Reduci (tra Via Cristoforo Colombo e l’area del Lungomare) e questioni relative ai canoni demaniali turistici.
“Stiamo programmando una serie di incontri con i più alti vertici per cercare di trovare delle soluzioni a questi problemi che si trascinano da anni e in alcuni casi da decenni” spiega il sindaco.
Casson sta affrontando in primis il problema delle ex aree imbonite nella fascia lagunare di Sottomarina (scheda VEB0676), una questione complessa che coinvolge circa 200 famiglie del centro storico, in particolare terreni e fabbricati sul lungo laguna. Si tratta di occupazioni avvenute tra gli anni 1925 e 1940 con successivi passaggi intermedi di compravendite su un’area urbanizzata. Il demanio infatti si sta accingendo e in alcuni casi ha già chiesto ai proprietari il pagamento dei canoni e degli arretrati.
Motivo ampio di discussione è stato anche la problematica di viale Mediterraneo, che coinvolge una vasta zona (foglio 39 e 40), gran parte urbanizzata e in parte da urbanizzare, che va da viale Vespucci a Via Zeno all’area nord ed area sud di viale Mediterraneo.
A livello catastale, facendo delle visure storiche, le schede delle proprietà ricadenti contengono la dicitura “possesso contestato”. Si tratta di una riserva, una sorta di vincolo, su cui lo Stato potrebbe eventualmente vantare dei diritti.
“E’ stato un incontro di assoluta importanza – continua il sindaco – che rappresenta il seguito delle trattative e del dialogo già avviato positivamente con la Direzione del Demanio di Venezia, di cui va segnalata la grande attenzione alle problematiche del nostro territorio. – Possiamo dire che da parte del Direttore Generale del Demanio dott. Reggi è stata manifestata la chiara volontà di sanare queste situazioni, comprendendo pienamente il rischio che diventino un reale problema sociale, per la vastità dell’area e della popolazione residente. Il direttore generale ha quindi garantito il suo personale impegno, dando mandato ai suoi uffici di chiudere quanto prima le questioni, pur riconoscendone la sicura complessità”.
In discussione anche i temi dell’area dei Reduci e dei canoni demaniali turistici. La proposta, già formalizzata da una delibera di Giunta del 2010 (n.44), consisterebbe di versare parte dei contributi versati allo Stato, in particolare quelli inserenti la fascia centrale della spiaggia non utilizzata dai concessionari nella stagione invernale, direttamente nelle casse del comune. Tali somme verrebbero vincolate e reinvestite sempre in ambito turistico per le operazioni di pulizia della battigia.
Spiega il sindaco:“Abbiamo portato nuovamente all’attenzione del demanio questa proposta dei nostri operatori che ci sembra ragionevole, visti gli oneri che il nostro comune è chiamato a sostenere per la pulizia della battigia, per i rifiuti scaricati dai fiumi e depositati sulla spiaggia, nell’ottica di un maggiore federalismo”.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *