Do You Speak Chioggiotto?

Dati turistici 2014, positivi ad eccezione degli affittacamere

Scritto da il 17 marzo 2015 alle 15:03
sottomarina spiaggia

I dati dell’Apt provinciale parlano chiaro: la stagione a Sottomarina non è andata male, soprattutto se si entra nel dettaglio e si va a verificare il numero di presenze e arrivi per ogni tipologia ricettiva. A livello globale si parla di 196.787 arrivi e 1 milione e 234 mila presenze con una flessione, rispetto al 2013, dell’1,80 % e del 5,79%.

Cifre che farebbero pensare ad una vera e propria debacle per la località. Ma basta poi analizzare i dati per accorgersi del contrario: gli alberghi hanno chiuso in positivo con un +2,70 sugli arrivi (87.473 contro gli 85.175 del 2013) e con un +1,88 delle presenze (327.306 contro i 321.265 del 2013). Bene anche i campeggi: sono arrivati praticamente lo stesso numero di turisti del 2013: 91.164 anziché 91.581 (leggera e ininfluente flessione dello 0,46 %) che sono poi rimasti più a lungo nella località permettendo di raggiungere un +1,79 % delle presenze che ammontano a 791.583.

Ma se le due principali tipologie ricettive del territorio hanno fatto registrare valori positivi come si spiega il – 5,79% delle presenze e il -1,80% degli arrivi? Dalle strutture extra alberghiere, ossia dagli affittacamere. I dati, sempre dell’Apt provinciale, parlano di un – 23,23% degli arrivi e addirittura di un – 45,38 % delle presenze. Nel 2013 gli arrivi erano 23.645, nel 2014 solo 18.150.

Le presenze sono invece crollate da 211.296 a 115.414. Sono questi dati ad abbassare le percentuali dell’intera località. “Dati che non possiamo essere sicuri siano veritieri – afferma il presidente del Consorzio ConChioggiaSi Marco Boscolo Camiletto – in altre località gli affittacamere si sono organizzati con agenzie del territorio o hanno aperto partita Iva creando residence veri e propri. Da noi la categoria non ha mai fatto un passo avanti e questo porta poi a queste situazioni. Dal 2012 inoltre, la trasmissione della presenza dei turisti è diventata da cartacea a telematica. Molti affittacamere a Sottomarina sono anziani e, non usando il computer, finiscono col non trasmettere i dati reali”.

Sulla stessa linea anche Leonardo Ranieri di Gruppo Turismo: “Gli appartamenti, solo tra i turisti italiani, hanno perso 100.000 presenze. Certo è evidente che si tratta di un comparto in crisi. Ormai i turisti cercano una tipologia di vacanza ben precisa e gli appartamenti non sono molto richiesti, ma credo che la non rilevazione dei dati possa essere la principale causa. Si sono salvati invece gli hotel, soprattutto per la qualità dell’offerta ed i campeggi che hanno saputo stare al passo con i tempi e adeguarsi a una richiesta sempre maggiore di vacanza open – air che richiede qualità all’interno delle strutture. I dati dimostrano anche un aumento di turisti austriaci e tedeschi nei campeggi. Numeri costanti e confortanti per quanto riguarda le provenienze dai Paesi Bassi”. Senza programmazione però, il futuro non sarà dei più rosei: “Se gli imprenditori – continua Ranieri – non riusciranno a fare squadra nella promo – commercializzazione della nostra località e l’amministrazione non presterà attenzione a dirimere eventuali differenze di “vedute” e non investirà i proventi della tassa di soggiorno, mai ci sbloccheremo da questi numeri. Anzi, il rischio sarà di ulteriori flessioni e di chiusura di alcune strutture”.

“E’ l’amministrazione comunale – incalza Luciano Serafini – che deve individuare percorsi “obbligati” per le categorie turistiche allo scopo di  salvaguardare strutture operative esistenti. L’Odg rappresenta la naturale evoluzione di un recente passato organizzativo che può permetterci di affrontare le nuove sfide del mercato turistico. Quando si pensa di sostituire  un consorzio di promozione turistica della località con un consorzio di promozione turistica di categoria significa che si è perso di vista quali sono le priorità dell’intero comparto”.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *