Do You Speak Chioggiotto?

La Clodiense si accontenta del pari

Scritto da il 8 febbraio 2015 alle 21:02
Massese - Clodiense

Una Clodiense poco brillante rischia di perdere contro una vivace Union Pro e alla fine benedice un pareggio che, visto l’andazzo della gara, va più che bene. Granata che hanno sofferto oltre misura il pressing dei trevigiani che ha costretto la difesa di casa ad errori anche imbarazzanti.

C’è il debutto, tra i lagunari, del neo arrivo Nicholas Siega in attacco al posto dello squalificato Santi ma è tutta la squadra che gioca con il freno a mano tirato permettendo alla Union Pro ripartenze molto pericolose. Squadre schierate a specchio con i trequartisti a cozzare contro i portatori di palla e gioco prevedibile e zeppo di errori. Nel primo tempo succede pochissimo. Da segnalare una punizione di Furlan (12’) che sorvola la traversa, un tentativo di autogol di Piaggio sventato da Luca Tiozzo (17’) ed una tiro fiacco di Siega (32’) su assist di Pitteri e nulla più.

Nella ripresa gli errori aumentano ed al 5’ l’Union Pro non approfitta di un buon contropiede sbagliando l’ultimo passaggio con Andrea Nobile. Mazzetto alza di poco il piattone sopra la traversa all’8’, mentre al 19’, ancora dopo una bella azione di Pitteri, è Piaggio a calciare malissimo da buona posizione. Union Pro in vantaggio al 21’: Casagrande sbaglia il passaggio verso Moretto, intercetta Alvise Nobile che serve sulla corsa il fratello Andrea il cui diagonale, con la devizione impercettibile ma determinante di Boscolo Berto, si infila in porta. Pronta reazione granata e pareggio al 32’ di Mazzetto che segna di controbalzo dopo un rinvio corto della retroguardia ospite. Altra chance al 33’ per l’Union Pro quando Boscolo Nata sbaglia sciaguratamente un retropassaggio verso il portiere mettendo in moto Comin che però allarga troppo il diagonale graziando Luca Tiozzo. C’è anche un altro errore di Francesco Tiozzo al 43’ ma stavolta è Riccardo Serena, osservato speciale da papà Michele (tecnico del Venezia) presente in tribuna, a non castigare l’allegra difesa granata.

Le voci del dopo gara.

Andrea Pagan: Non si può sempre giocare a mille. In una stagione qualche passaggio a vuoto ci sta. Tuttavia se riusciamo a pareggiare partite come questa significa che siamo molto maturati. Abbiamo giocato con il ferro a mano tirato. Su 14 giocatori utilizzato ne salvo solo un paio.

Nicholas Siega: In questo gruppo mi sono subito ambientato. Volevo fare gol ma per me non era facile, sono quì da pochi giorni. Comunque con il ginocchio non ci sono problemi ed ho voglia di lavorare in questa che ritengo una buona squadra.

Pippo Casagrande: Ho sbagliato la misura del passaggio verso Moretto ed abbiamo subito il gol. Partita difficile per il grande agonismo messo in campo dall’Union Pro. MI sono trovato spesso marcato a uomo. Eravamo bloccati mentalmente e forse troppo rilassati.

Francesco Feltrin (tecnico Union Pro): Abbiamo disputato una grande gara e sono rammaricato per non avere portato a casa la vittoria. Troppi errori sotto porta.

 

Autore: Daniele Zennaro

Nato a Chioggia il 27 Febbraio 1967. A BCS ricopre il ruolo di direttore responsabile della testata giornalistica radiofonica e partecipa, in qualità di opinionista,  alla trasmissione sportiva del Sabato Mezzogiorno Big Match.

La sua esperienza radiofonica parte nel lontano 1986 dai microfoni di RADIO CHIOGGIA LIBERA quando assieme ad Adolfo Pagan, conduceva un programma che si chiama[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *