Do You Speak Chioggiotto?

Piccole imprese in crisi, persi oltre mille posti di lavoro

Scritto da il 26 gennaio 2015 alle 13:01
crisi-chiuso-fallimento

Sei anni di crisi hanno ridimensionato pesantemente la struttura della piccola e media impresa, nell’area sud della Provincia di Venezia.

Apindustria ha svolto un’indagine sull’andamento economico nei comuni di Chioggia, Cavarzere, Cona, Campagna Lupia e Camponogara e i dati sono drammatici: dal 2008 ad oggi, in quest’area, sono stati perduti circa 1200 posti di lavoro e sono state chiuse 140 piccole e medie imprese. A presentare i dati sono stati nei giorni scorsi il direttore di Apindustria Venezia, Pier Orlando Roccato e l’ex presidente della commissione Lavoro della Provincia di Venezia, Roberto Dal Cin: l’indagine riguarda le imprese dei settori meccanico, manifatturiero, gomma plastica, chimico ed edile.

Dice lo stesso Dal Cin: «Da tempo chiediamo a viva voce una concreta politica del credito finalizzata ad investire su sviluppo e ricerca aiutando le imprese a crescere e non investire solo sui bilanci».

In questi anni sono stati depauperati 50 anni di sviluppo industriale e per recuperarli occorre che si riaprano i flussi di credito, in forte diminuzione da tempo. Per questo Apindustria ha intenzione di promuovere incontri anche a Chioggia, con le banche che operano nel territorio, per stimolare l’erogazione di credito alle imprese. A Chioggia il tasso di disoccupazione è particolarmente elevato anche per la mancanza di un’area industriale in grado di intercettare i lavoratori usciti dal comparto della pesca, un altro settore in grave difficoltà da tempo.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *