Do You Speak Chioggiotto?

Un gol per tempo, Clodiense al tappeto

Scritto da il 10 novembre 2014 alle 08:11
Clodiense-Pradolin-fermato

Trasferta amara per la Clodiense che torna da Belluno con una sconfitta per 2-0. Un gol per tempo dei padroni di casa contro una squadra granata timida nel primo tempo ma più frizzante nella ripresa. I tre punti vanno ai gialloblù di casa e la cosa non deve far gridare allo scandalo, come pure non lo avrebbe fatto un eventuale pareggio granata.

Nella distinta delle formazioni non vi sono il portiere Luca Tiozzo e il difensore Pierangelo Carlucci, segno evidente che i provvedimenti paventati dal presidente Ivano Bielo nei loro confronti (nei giorni scorsi avevano portato avanti una iniziativa sul rinnovo dello stemma societario evidentemente non autorizzata) non erano certo aleatori.

E allora nel classico 4-3-1-2 di Andrea Pagan, Okroglic si piazza tra i pali, Davide Boscolo Berto e Moretto sono i due centrali, Pitteri e Boscolo Nata gli esterni. In mediana Casagrande, nonostante le non perfette condizioni atletiche, è al suo posto, mentre davanti Mastroianni e Santi hanno in consegna le chiavi dell’attacco. E’ però il Belluno ad iniziare nel migliore dei modi. Già al 3′ Corbanese prova il tiro a botta sicura ma trova il rimpallo di un difensore che spedisce la sfera in corner. Gli uomini di Vecchiato sono devastanti soprattutto sulle fasce dove Masoch, D’incà e Duravia sono a tratti imprendibili. Così al 12′ i gialloblù passano in vantaggio: errore da fucilazione sul posto di Casagrande che cerca il dribbling all’interno dell’area di rigore e viene beffato da Masoch che gli ruba la palla e fulmina Okroglic. Il Belluno si esalta e trova una serie di corner (ottimamente calciati da Duravia) che mettono a dura prova la resistenza della retroguardia lagunare. Al 17′ il raddoppio dei padroni di casa sembra cosa fatta quando sull’ennesimo angolo di Duravia arriva la sponda aerea di Masoch ma nel secondo palo Posocco manda incredibilmente a lato. Prima dell’intervallo c’è ancora lavoro per Okroglic che ribatte in qualche modo un tiro velenoso di Duravia.

Nella ripresa la musica è di altra fattura perchè la Clodiense cambia passo e mette alle corde il Belluno che fatica ad uscire dalla propria area. Già al 2′ una palla filtrante libera Mazzetto sul quale chiude tutto Solagna che poi al 6′ si ripete su una punizione radente di Casagrande. Piaggio (20′), Pelizzer (26′) e Mastroianni (29′) non sono precisi e allora il Belluno al 41′, al primo vero tiro in porta della ripresa, passa ancora con Mosca che riprende una respinta difettosa della difesa granata e mette in ghiaccio il risultato.

Le voci del dopo gara.

Andrea Pagan: Due nostri clamorosi errori ci sono costati la partita. Siamo stati in difficoltà nel prijmo tempo ma poi siamo usciti ed abbiamo giocato benino. Purtroppo le partite vengono condizionate dagli episodi ma la prestazione rimane.

Elia Pitteri: Abbiamo sofferto solo nel primo quarto d’ora, però i loro gol sono stati davvero un nostro regalo. Mi sento di dire che il risultato è bugiardo.

Roberto Vecchiato (tecnico Belluno): Abbiamo giocato un ottimo primo tempo, poi siamo calati per merito anche della Clodiense, la migliore squadra vista fino adesso.

BELLUNO-CLODIENSE 2-0

Belluno (4-3-3): Solagna; Pescosta, Merli Sala, Sommacal, Mosca; Masoch (36’st. Miniati), Bertagno, Duravia; D’Incà (31’st. Pellicanò), Corbanese, Posocco (10’st. Sadio). A disposizione: Schincariol, Paganin, Moretti, Canova, Ojog, Pruestner. Allenatore: Vecchiato.

Clodiense (4-3-1-2): Okroglic; Pitteri (36’st. Isotti), Moretto, Boscolo Berto, Boscolo Nata; Mazzetto, Casagrande (14’st. Boscolo Gioachina), Piaggio; Pelizzer; Santi, Mastroianni. A disposizione: D’Ambrosio, Tiozzo, Boscolo Gnolo, Chiozzotto, Sigolo, Olivieri, Urtiaga. Allenatore: Pagan.

Arbitro: Berger di Pinerolo.

Reti: pt. 12′ Masoch; st. 41′ Mosca.

Note: giornata grigia, terreno in ottime condizioni. Ammoniti: Sommacal, Posocco, Moretto, Boscolo Berto, Casagrande, Boscolo Gioachina. Angoli: 8-3 per il Belluno. Spettatori: 400 circa. Recupero: 0’pt. e 3’st.

 

Note
Foto archivio

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *