Do You Speak Chioggiotto?

Mazzetto scalda una Clodiense sprecona

Scritto da il 8 settembre 2014 alle 12:09
clodiense 2014-15 009

Mettiamola così: alla fine i tre punti sono arrivati comunque. Tre punti che fanno iniziare il campionato nel migliore dei modi. Tre punti che fanno dire che la Clodiense c’è, nonostante la giovane età, nonstante il numero incredibile di palle gol buttate al vento. Proprio per questo però si deve accendere la spia dell’allarme rosso, perchè non sempre ti capita il Montebelluna e non sempre porti a casa una vittoria dopo aver sprecato così tanto. Vince Andrea Pagan che conferma il trequartista che però questa volta è Pelizzer e non Davide Boscolo Gioachina, che pure aveva fatto così bene in precampionato, ma che è stato sacrificato sull’altare degli under. Avessero avuto le polveri meno bagnate i vari Santi, Mastroianni e Isotti, a quest’ora staremo parlando di goleada più che meritata.

Il primo squillo di tromba è di Matteo Mazzetto (12’) che si beve mezza difesa avversaria ma al momento di calciare si incarta e non inquadra nemmeno la porta. La Clodiense insiste e al 17’ una conclusione di Santi scalda le mani a Rigo. C’è pure un tentativo di autogol dell’ex Severgnini (23’) su cross di Mazzetto che si rifà al minuto 34 quando da fuori area con un tiro a giro di sinistro toglie le ragnatele dall’incrocio dei pali. Il Monte accusa il colpo e la Clodiense spinge per trovare il raddoppio che però, nonostante le conclusioni di Casagrande (36’), una mischia furibonda dentro l’area ospite (37’) ed una volata in campo aperto di Santi fermata con gran tempismo in rimonta da Fabbian, non arriva.

Dopo l’intervallo il primo sussulto è anora granata con un tiro di Santi che costringe Rigo agli straordinari. Al 2’ però il Monte punge con Garbuio che da pochi passi calcia in maniera inguardabile. Un gran tiro di Casagrande al 10’ accarezza il palo alla destra di Rigo, mentre all’11’ un tiro cross casuale del difensore trevigiano De Vido sbatte sulla parte alta della traversa. Severgnini calcia in maniera debole al 20’, il Monte guadagna metri ma non è mai pericoloso. Santi sbaglia la mira al 25’ calciando alto dopo un bel dribbling, mentre al 30’ si libera bene salvo poi calciare sul fondo. Il Monte prende coraggio, Giglio (34’) e Savi (44’) non hanno fortuna. Nei 7’ interminabili ed esagerati minuti di recupero la Clodiense spreca ancora in contropiede con Isotti (50’) e con Fulchignoni (52’). I tre punti però sono assicurati e sono un bel viatico in vista anche del turno di coppa in programma mercoledì ad Abano (ore 19) contro la Thermal.

Le voci del dopo gara.

Andrea Pagan: Bene il risultato ma abbiamo sprecato troppo. Bisogna essere meno frenetici sotto porta se non si vuole essere beffati contro squadre più esperte. Da rivedere il secondo tempo, quando abbiamo concesso troppo campo agli avversari. Mercoledì in campo attuerò il giusto turn over per poter passare il turno in coppa.

Stefano Pelizzer: ho corso tanto, dando il massimo e quando giustamente sono stato sostituito ero molto stanco. Partire con il piede giusto fa bene al morale. Il mio ruolo preferito è la mezzala ma mi trovo bene anche come trequartista.

Davide Berto: il problema alla caviglia mi ha condizionato nel secondo tempo. Abbiamo sprecato troppo ma da questa base di partenza si può solo che crescere. Complimenti a Francesco Tiozzo, un ’96 già molto forte.

Matteo Mazzetto: è vero mi chiamano il cecchino ma in allenamento è tutta un’altra cosa. Sono contento perchè ho segnato un bel gol che mi ripaga dell’errore di qualche minuto prima. Abbiamo sprecato troppo, ma siamo un bel gruppo e possiamo lavorare bene.

Daniele Pasa (tecnico Montebelluna): partita tosta, equilibrata, tra due squadre giovani che hanno corso molto. Siamo stati ordinati ma è chiaro che davanti ci manca un attaccante di riferimento.

Nicolò Severgnini (difensore Montebelluna): a Chioggia avevo fatto due anni bellissimi e mi sono pure fidanzato. Oggi ho giocato difensore centrale, ma pur di giocare sono disposto anche a fare il portiere.

CLODIENSE-MONTEBELLUNA 1-0

Clodiense (4-3-1-2): Okroglic; Pitteri, Moretto, Boscolo Berto, F. Tiozzo; Mazzetto (44’st. Boscolo Gioachina), Casagrande, Piaggio; Pelizzer (31’st. Fulchignoni); Mastroianni (21’st. Isotti), Santi. A disposizione: L. Tiozzo, Carlucci, Boscolo Nata, Boscolo Gnolo, Olivieri, Cigna. Allenatore: A. Pagan.

Montebelluna (4-4-2): Rigo; De Vido, Fabbian, Severgnini, Frassetto (7’st. Slongo); Giglio, Bressan, Perosin, Garbuio (37’st. Savi); Masiero, Gerini (13’st. Cecchel). A disposizione: Filippetto, Semenzin, Biral, Manfrin, De Biasi. Allenatore: D. Pasa.

Arbitro: D’Amato di Siena.

Rete: pt. 34’ Mazzetto.

Note: giornata calda, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Boscolo Berto, Isotti, Perosin, Severgnini, Bressan. Angoli: 6-3 per la Clodiense. Spettatori: 200 circa. Recupero: 1’pt. e 7’st.

Autore: Daniele Zennaro

Nato a Chioggia il 27 Febbraio 1967. A BCS ricopre il ruolo di direttore responsabile della testata giornalistica radiofonica e partecipa, in qualità di opinionista,  alla trasmissione sportiva del Sabato Mezzogiorno Big Match.

La sua esperienza radiofonica parte nel lontano 1986 dai microfoni di RADIO CHIOGGIA LIBERA quando assieme ad Adolfo Pagan, conduceva un programma che si chiama[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *