Do You Speak Chioggiotto?

Furti nelle abitazioni, fermata una banda di giorgiani

Scritto da il 22 agosto 2014 alle 15:08
FURTO

Un blitz della Polizia ha portato la scorsa notte all’arresto di 4 cittadini giorgiani facenti parte di una organizzazione criminale dedita ai furti in appartamento avvenuti nel nord est: Chioggia, Mestre,Udine, San Dona’, Treviso e Trieste.

L’operazione è stata fatta proprio dalla squadra mobile di Trieste e prende spunto da un furto avvenuto li avvenuto in aprile. La squadra mobile della città giuliana, analizzando il modus operandi dei ladri e grazie a pregressa esperienza aveva ipotizzato la responsabilità di giorgiani che sono esperti nell’aprire le porte blindate; inoltre la Polizia aveva predisposto dei servizi di controllo e prevenzione di tali reati predatori che hanno portato all’individuazione di un’autovettura sospetta, successivamente intercettata, con conseguente arresto di due cittadini georgiani per documenti falsi.

Il successivo monitoraggio di tutti i soggetti collegati ai due arrestati ha portato all’individuazione di altri soggetti e all’arresto di altri 2 giorgiani a Treviso. L’operazione della Polizia di Stato ha permesso, inoltre, di localizzare la base operativa della banda, che era a Mestre (Ve) e ad identificare tutti i suoi componenti.

Le investigazioni hanno portato all’acquisizione di elementi probatori sulla responsabilita’ dei componenti la banda criminale di almeno una decina di furti in appartamento.

Il blitz ha visto impegnate, oltre alla Squadra Mobile di Trieste, anche quelle di Venezia e di Roma nonché il commissariato di P.S. di Mestre (Ve).

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *