Do You Speak Chioggiotto?

Invalidità: tagliati i tempi d’attesa per pensioni e indennità

Scritto da il 5 luglio 2014 alle 15:07
invalidi

Positivi i primi dati sulla convenzione sperimentale tra aziende sanitarie e Inps per l’accertamento dell’invalidità civile.

Lo sostiene l’Ulss 12, che venerdì ha presentato i risultati ottenuti fin qui da questo importante accordo. Da alcuni mesi è l’Istituto di Previdenza a vagliare direttamente le domande per l’assegnazione di pensioni e indennità, tagliando burocrazie e tempi di attesa. Prima erano le Ulss a valutare in sede di primo accertamento la sussistenza del requisito sanitario, e l’Inps subentrava per la validazione del verbale sanitario e l’erogazione della prestazione economica eventualmente spettante. Netta la riduzione dei tempi di attesa: dai sette o otto mesi necessari in precedenza per la valutazione, si è passati alla garanzia della visita medica entro 40 giorni dalla richiesta, e dell’esito dell’istruttoria entro due mesi dalla domanda.

Questo passaggio di funzioni – che a Venezia, era stato introdotto dal 1 novembre 2013 – è entrato a regime anche a Chioggia dal 1° marzo 2014. “In questa iniziativa a favore degli invalidi civili e delle loro famiglie – ha spiegato il Direttore Generale dell’Ulss 12 Giuseppe dal Ben – si sono mossi a tutela del cittadino debole due elementi determinanti: da una parte l’indirizzo della Regione del Veneto, che ha indicato uno nuova e utile soluzione, dall’altra la disponibilità e l’impegno dell’Azienda sanitaria e dell’Inps, che hanno accettato lo sforzo della creazione di un sistema nuovo e della sua sperimentazione”.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *