Do You Speak Chioggiotto?

Immigrazione: ora è emergenza

Scritto da il 14 luglio 2014 alle 15:07
abusivi

L’immigrazione, si sa, non è solo un problema del Sud Italia. Anche al Nord, e in Veneto soprattutto, quello degli immigrati sta assumendo i contorni di una vera e propria emergenza sociale. Troppi venditori abusivi sulle spiagge venete, spesso aggressivi, irregolari e probabilmente nelle mani della malavita organizzata. Il presidente del Veneto Luca Zaia lancia l’allarme, definendo il fenomeno “un’emergenza per la sicurezza e per la concorrenza sleale”. Zaia, inoltre, chiede l’intervento dell’esecutivo per far fronte alla situazione.

“Il ministro Alfano ed il suo Governo considerino – dice Zaia – le conseguenza della loro operazione Mare Nostrum e si preoccupino di questo vero e proprio fenomeno di malavita organizzata.

Il problema dei venditori abusivi è radicato anche a Chioggia e Sottomarina: il lungomare di sera e la spiaggia di pomeriggio sono piene di persone che vendono qualsiasi cosa.

Qualche giorno fa un’operazione della Polizia, in collaborazione con i Carabinieri di Chioggia, la Guardia di Finanza, la Guardia Costiera, la Polizia Provinciale e la Polizia Locale di Chioggia ha portato all’identificazione e sanzione di ventidue soggetti, tutti di nazionalità straniera, sorpresi in prossimità degli arenili e sulle spiagge, intenti a offrire la propria merce ai bagnanti. Numeroso il materiale sequestrato, in parte contraffatto e in parte comunque posto in vendita in maniera illegale. Il problema, come ammettono le stesse forze dell’ordine, è che servirebbero operazioni di questo tipo per un mese di seguito per poter produrre risultati concreti.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *