Do You Speak Chioggiotto?

Parcheggi usati come campeggi, arrivano i controlli

Scritto da il 3 giugno 2014 alle 13:06
parcheggio camper

Su specifiche indicazioni del Sindaco e dell’Assessore al Turismo Silvia Vianello, il Comando Polizia Locale ha scritto oggi alle Associazioni di categoria per sensibilizzare le imprese interessate alla gestione di aree di parcheggio, sia in area privata che in concessione demaniale, circa le problematiche connesse allo stazionamento dei camper ed autocaravan.

L’Amministrazione comunale ha sottolineato l’importanza del contributo del turismo itinerante, così come quello del turismo su caravan e autocaravan, ma allo stesso tempo ha richiamato l’attenzione sulla necessità di evitare abusi e comportamenti irregolari, a discapito della complessiva qualità del sistema ricettivo della località, oltre che dei livelli di sicurezza igienico-sanitaria.

Nella comunicazione inoltrata oggi viene precisato che i camper possono “parcheggiare” nelle zone all’uopo destinate, ma non vi possono “campeggiare”, “attendare” (e quindi occupare spazio eccedente la sagoma del veicolo con tende, tavolini, pedane, ecc.) o “pernottare”, in quanto tutte queste attività, se effettuate in aree non regolarmente attrezzate, autorizzate e classificate, comportano la gestione – abusiva – di una struttura ricettiva.

La Legge Regionale del Veneto n. 11 del 14 giugno 2013, “Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto”, stabilisce infatti che le strutture ricettive all’aperto offrono ai turisti, in un’area recintata, alloggio in allestimenti mobili quali tende, roulotte, camper, caravan e case mobili e che è soggetto a sanzione amministrativa da euro 3.000,00 a euro 6.000,00 chiunque gestisca una struttura ricettiva in mancanza della prescritta segnalazione certificata di inizio attività e in mancanza di classificazione.

La stessa Legge Regionale stabilisce inoltre che, in caso di violazione, oltre alla sanzione pecuniaria, si aggiunge la cessazione dell’attività sanzionata e che nel caso di mancata ottemperanza al provvedimento di cessazione o sospensione dell’attività sanzionata, il trasgressore verrà segnalato all’Autorità Giudiziaria per violazione dell’art. 650 del Codice Penale.

Ai gestori dei parcheggi è stato infine richiamato quanto disposto dall’art. 47, 1° comma, lett. c), del Codice della Navigazione, secondo cui l’Amministrazione può dichiarare la decadenza del concessionario per mutamento sostanziale non autorizzato dello scopo per il quale è stata rilasciata la concessione. Il che significa che se l’attività ricettiva non autorizzata viene svolta nell’ambito di aree del demanio marittimo rilasciate in concessione, il Comune potrà anche procedere a dichiarare la decadenza del titolo concessorio.

Nell’auspicare da parte delle Associazioni di categoria la massima diffusione di tali indicazioni, la Polizia Locale ha annunciato che, nelle prossime settimane, verrà disposta specifica attività di controllo sul territorio, che proseguirà durante l’intera stagione balneare.

 

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *