Do You Speak Chioggiotto?

Tante emozioni alla “Giornata del sollievo” in ospedale a Chioggia

Scritto da il 31 maggio 2014 alle 13:05
Sollievo 15

È calato il sipario con uno scrosciante applauso finale da parte dei numerosi intervenuti alla XIII Giornata del Sollievo organizzata presso l’ospedale di Chioggia dall’associazione AMCET (Amici malati cronici e terminali) onlus, in collaborazione con ADI e il Nucleo Cure Palliative dell’ASL 14 di Chioggia, Cavarzere e Cona.

Il titolo della serata “L’arte del sollievo, dar sollievo attraverso l’arte” aveva lo scopo di alternare momenti di poesia, danza, musica ed arte in tutte le sue espressioni. E così è stato.

Tra i presenti, oltre al Direttore dei servizi sociali Dott. Pecere, anche il Sindaco Giuseppe Casson, il direttore del reparto Cure Primarie Dott. Ranzato, il direttore del Nucleo Cure Palliative Dott. Prosperi, la Presidente AMCET Emilia Scarpa, il medico palliativista Dott. Sartore, la coordinatrice dell’assistenza infiermeristica domiciliare Mariella Boscarato e la psicologa Giuditta Boscolo. Tutti hanno brevemente spiegato il loro ruolo all’interno dell’ASL e l’importanza delle cure palliative e dell’assistenza dei malati terminali, in ospedale ma anche a domicilio.

Il presidio ospedaliero di Chioggia è stato allestito elegantemente da una bellissima scultura di Franca dal Comune dal titolo “Allegoria del mare” e da un’opera del pittore Dino Memmo incorniciate dalla sciarpa rosa dell’ANDOS.

L’intero evento è stato accompagnato dal sottofondo musicale dell’eclettico compositore e pianista padovano Paolo Zanarella, più comunemente conosciuto con l’appellativo de “Il pianista fuori posto“.

Estremamente toccanti le poesie lette da Santa Boscolo, componente del Circolo degli Abbracci dell’associazione Andos, soave l’interpretazione in “Vieni avanti su, non aver paura” del gruppo di danza Chòrea rappresentate da Laura Bonaldo, Roberta Catozzo, Francesca Perini sotto la supervisione di Alvise Renier della scuola di danza di Francesca Serafini e Patrizia Aricò.

Prezioso e coinvolgente l’intervento canoro di Alessandra Naccari che con la sua voce ha regalato dei brani stupendi della storia della musica.

Standing ovation finale per il noto ballerino e coreografo Gianluca Frezzato che si è esibito per la platea in un’improvvisazione evidenziando nuovamente la sua poliedricità d’intepretazione.

Questo evento ha dimostrato che un luogo tendenzialmente di sofferenza quale l’ospedale può trasformarsi in spazio d’arte e di nutrimento per l’anima.

Note
Foto Chiara Tiozzo

Autore: Chiara Tiozzo

Sono Chiara, classe 1982 e faccio parte di ChioggiaTV dalla sua nascita.

Lavoro dal 2005 come Architetto Iunior ma qui voglio condividere con voi le mie due grandi passioni: la musica e la fotografia.

La musica è da sempre la colonna sonora della mia vita. Ascolto quasi di tutto anche se il mio più grande amore è il Rock, da cui deriva il mio soprannome di ChiaRock.
Dal[...]

Leggi il resto su .