Do You Speak Chioggiotto?

Spaccio di droga, condannati due chioggiotti

Scritto da il 13 maggio 2014 alle 12:05
ecstasy_1

Due giovani di Chioggia, un 27enne e un 28enne, sabato sera sono stati arrestati per spaccio di droga.

Hanno raccontato alle forze dell’ordine che si accingevano a raggiungere l’Altavoz a Marghera. La loro idea non era però di andare a ballare ma di spacciare all’interno del locale.

Sono stati fermati in via Fratelli Bandiera dai carabinieri della tenenza di Mira. Una volta scoperti, hanno consegnato da soli le sostanze stupefacenti che avevano nascosto nelle parti intime: 74 pasticche di ecstasy, diversi grammi di MDMA e una piccola quantità di marijuana.

Condanna esemplare per uno dei due pusher, che ha patteggiato lunedì due anni e otto mesi di reclusione. Li passerà ai servizi sociali. Il complice, invece, ha patteggiato un anno.

Quello sequestrato è un quantitativo molto elevato di droga. L’MDMA è infatti utilizzato da chi vuole darsi allo “sballo” durante le lunghe notti dei fine settimana.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Un commento

  1. juca

    14 maggio 2014 at 00:27

    come puo’esser spaccio se sono state consegnate prima di venderle.al limite e’un regalo ricevuto dai carabinieri da parte dei due interessati,a pure arrestati li hanno.a me se regalano 70 ecstasy altroche santi subito…poi il discorso che non andavano a ballare ma solo per vendere la simpatica merce,come si puo’dire cio’,a menoche non siano ebrei,a quella eta’un minimo di voglia di divertirsi c’e’,mica solo il denaro!conclusione,non regalate piu’le droghe ai carabinieri,a nessuno,dopo va cosa succede!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *