Do You Speak Chioggiotto?

“Cibo, tra equilibrio e ossessione”, venerdì un incontro per parlare di disordini alimentari

Scritto da il 28 maggio 2014 alle 15:05
cibo tra equilibrio e ossessione

Da una parte c’è il pudore, perché ci si vergogna di quello che si ha e degli effetti sul proprio corpo. Dall’altra c’è la sottovalutazione, perché si pensa che in fondo non siano malattie. Ecco perché è ancora difficile fotografare con numeri e statistiche il problema ed ecco perché la seconda Giornata della Salute intitolata “Cibo, tra equilibrio e ossessione”, organizzata dall’Ulss 14 di Chioggia, riveste una particolare importanza: perché porta chiarezza e informazione sui disordini alimentari.

Venerdì 30 maggio, dalle 17, nella sala del Poliambulatorio dell’Ospedale di Chioggia, medici ed esperti spiegheranno che anoressia, bulimia, e gli altri disturbi, sono vere e proprie malattie, che quindi possono essere curate e dalle quali si può guarire.

I disordini alimentari colpiscono tutte le fasce d’età, con una preponderanza tra gli adolescenti. L’età di esordio si è abbassata e non è raro ormai trovare forme di disturbi del comportamento alimentare anche tra bambini e pre-adolescenti. Se ne distinguono quattro tipi principali: anoressia nervosa; bulimia; binge eating (disturbo da alimentazione incontrollata); altre forme: disturbi sottosoglia, forme ibride ed Ednos (disturbi alimentari non altrimenti specificati o disturbi del comportamento alimentare-Nas). Il rapporto tra femmine e maschi è di circa 9 a 1, ma il numero dei maschi è in crescita soprattutto in età adolescenziale e pre-adolescenziale.

Studi epidemiologici internazionali tratti dal sito del Ministero della Salute, che corrispondono ai dati locali, portano a stimare, nelle donne di età compresa tra i 12 e i 22 anni, una prevalenza dell’anoressia nervosa pari allo 0,0-0,9% (media: 0.3%) e della bulimia nervosa pari all’1-2%. Il 3,7-6,4% della popolazione sarebbe infine affetto dai disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (disturbi del comportamento alimentare-Nas): per queste forme l’età media d’esordio si colloca intorno ai 17 anni. Gli effetti dei disordini alimentari non sono solo sul fisico, ma anche psicologici. Ecco perché è importante capire se si è malati e quali rimedi adottare. E ad aiutare i cittadini a far luce su queste malattie, durante l’incontro di venerdì 30 maggio, ci saranno quindi gli esperti dell’Ulss 14: Paolo Mancarella (Servizio di Igiene e Sanità Pubblica), Marisa Marcato (direttore Dipartimento Salute Mentale), Lorella Ciampalini (direttore Materno Infantile), Mattia Doria (pediatra di libera scelta).

All’incontro parteciperà Gianna Donaggio, l’insegnante chioggiotta che recentemente ha vinto la “Prova del Cuoco” e che, per l’occasione, è promotrice del mangiar sano. Lei stessa “evidenzia come a casa propria è importante mangiare bene per stare in salute: puntando sui cibi nostrani (a Chioggia e a Sottomarina c’è la fortuna di avere pesce fresco e verdure appena raccolte dagli orti), poco sofisticati, a chilometro zero.

Presenti anche le due associazioni degli agricoltori, la Cia e la Coldiretti, con carretti e cesti colmi di prodotti locali per ribadire il concetto che i cibi sani, quali le verdure e la frutta contribuiscono alla salute.

 

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *