Do You Speak Chioggiotto?

Sul National Geographic si parla del progetto dell’università di Padova per le Tegnue di Chioggia

Scritto da il 19 marzo 2014 alle 15:03
tegnue chioggia

Il National Geographic dedica un articolo all’idea lanciata dal Dipartimento di biologia dell’Università di Padova per le Tegnue di Chioggia. Fonte di ispirazione del progetto è stato l’arcipelago delle Bahamas composto da 700 isole nel cuore del Mar dei Caraibi con un ambiente marino ricchissimo di biodiversità.

Lo Stato caraibico è sempre stato all’avanguardia nella tutela dei mari. Lo scorso anno i ricercatori del Dipartimento di biologia dell’Università di Padova si sono immersi nelle acque dell’arcipelago per dare vita a un progetto il cui obiettivo primario è la sensibilizzazione del pubblico nella conservazione delle barriere coralline.

«Il progetto prevede un sistema di rilevamento alla portata di tutti che coinvolge i turisti in un “gioco” subacqueo per contare gli individui di due specie scelti come indicatori dello stato dell’ambiente», spiega la responsabile del progetto Maria Rasotto. «Un modo per fare divulgazione usando metodi scientifici». Quest’estate, con il sostegno dell’amministrazione locale, il modello sperimentato alle Bahamas verrà applicato nella Zona di tutela biologica delle Tegnue di Chioggia.

Anche in questo caso i ricercatori di Padova assisteranno i sub dilettanti nel censimento di specie per valutare l’efficacia della protezione. «È un aiuto prezioso sul fronte della gestione ma anche uno strumento efficace di educazione al rispetto dell’ambiente», spiega Rasotto.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *