Do You Speak Chioggiotto?

Piena del Gorzone. Ordinato lo sgombero di tredici nuclei familiari di Punta Gorzone

Scritto da il 4 febbraio 2014 alle 13:02
allarme fiumi

Con Ordinanza n. 6 di oggi, il Sindaco di Chioggia ha disposto lo sgombero di 13 civili abitazioni site in località Punta Gorzone, in prossimità del fiume Fratta Gorzone in piena ed a rischio esondazione.

Il provvedimento è stato assunto a seguito di comunicazione urgente pervenuta dalla Regione del Veneto – U.P. Genio Civile di Padova, competente per la sicurezza idraulica della zona, il quale ha fatto sapere che “Le intense precipitazioni che da alcuni giorni interessano il bacino idraulico del fiume Fratta Gorzone stanno sottoponendo a forte stress le opere di difesa idraulica. Nello specifico, a causa del forte imbibimento del rilevato arginale e di una importante filtrazione in sinistra del Fiume Gorzone…Via Punta Gorzone 35, si procederà a un intervento di somma urgenza al fine di scongiurare ulteriore aggravamento della situazione di sofferenza. In concomitanza degli stessi e per il perdurare degli eventi in corso, si chiede di voler disporre ordinanza di sgombero del civico in questione e delle abitazioni immediatamente adiacenti per una estesa di circa 100 ml. Infine si segnala che l’attuale andamento dei livelli idrometrici (2,26 Gorzone a Stanghella, con incremento orario di 0,04 m/h) fa registrare l’azzeramento del franco in località Punta Gorzone, col possibile progressivo interessamento delle abitazioni ivi presenti.”.

Per tale motivo è stato vietato il temporaneo utilizzo della totalità delle abitazioni situate nell’area di Punta Gorzone, sino al completamento dei lavori di somma urgenza da svolgere a cura del Genio Civile di Padova ed alla normalizzazione dei livelli idrometrici del fiume Fratta Gorzone.

L’Ordinanza, allegata in copia, riguarda 13 nuclei familiari. La Protezione Civile del Comune – che in questi giorni stava monitorando con continuità il sito con le proprie squadre – sta fornendo assistenza alle persone coinvolte, anche per reperire temporaneamente soluzioni alloggiative e vitto per le famiglie che ne abbiano necessità.

La “cronaca di un’alluvione annunciata” segue una serie di ripetuti ed accorati appelli rivolti dal Comune di Chioggia ai competenti uffici della Regione per pervenire ad una soluzione della delicata problematica della sicurezza idraulica di Punta Gorzone.

Il Comune di Chioggia aveva infatti più volte richiesto alla Regione, nel rispetto delle specifiche competenze, di valutare la possibilità di intervenire al fine di garantire la sicurezza idraulica ed ambientale di Punta Gorzone. In particolare aveva chiesto di conoscere, per preminenti ed indifferibili finalità di tutela della popolazione, lo stato di sicurezza idraulica ed in particolare le condizioni del margini arginali e di riva, in corrispondenza del sito dove insiste l’abitato in questione.

Anche recentemente, il Sindaco Casson aveva formalmente e decisamente richiesto al Genio Civile regionale – responsabile della sicurezza idraulica dell’area -, informandone anche il Presidente Zaia, di porre in essere interventi urgenti, per garantire adeguati livelli di sicurezza ai nuclei familiari residenti nel sito interessato allo sgombero.

Oggi viene richiesto di liberare le abitazioni, dolorosa incombenza cui il Comune non può sottrarsi.

Cosa che però non si può sottacere è l’urgenza di procedere a concreti interventi di messa in sicurezza della zona, auspicando che le opere che la Regione porrà in essere “in somma urgenza” non abbiano carattere di provvisorietà e precarietà ma portino ad una soluzione definitiva del problema.

Soluzione troppe volte invocata e mai come in questo momento assolutamente indifferibile.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Un commento

  1. marzia

    4 febbraio 2014 at 21:49

    Mi sapete dire per caso per i studenti che da Chioggia vanno a C avarzere appunto per la strada del gorzone se ci possono essere problemi? Spero che in caso di pericolo vengano chiuse le strade.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *