Do You Speak Chioggiotto?

Operatori turistici in difficoltà: si studiano nuove soluzioni per la “tassa sui rifiuti”

Scritto da il 10 febbraio 2014 alle 12:02
rifiuti spiaggiati

Incontro proficuo, quello avuto da Gruppo Turismo Chioggia e Ascot, con Veritas, grazie anche alla mediazione del vice presidente dell’azienda veneziana, il chioggiotto Giacinto Pesce.

Tre i punti toccati: uno sportello a servizio delle categorie turistiche per poter avere chiarimenti sui servizi e relative tasse gestite direttamente da Veritas, la possibilità di rateizzare le ultime bollette arrivate nel 2013, nei periodi in cui le aziende stagionali sono chiuse e fanno ovviamente fatica ad adempiere ai pagamenti; la necessità che la tassa sui rifiuti venga calcolata su basi diverse rispetto al semplice calcolo matematico della grandezza della propria proprietà.

“L’incontro è stato molto positivo – afferma Fabrisio Boscolo di Gruppo Turismo – Veritas ci ha assicurato che verrà attivato uno sportello ad hoc per le imprese turistiche. Molti nostri associati infatti hanno quotidianamente dubbi sulla Tares o su altre tasse o servizi di Veritas e la possibilità di poter avere subito una consulenza su queste questioni è cosa a noi particolarmente gradita”. Altro punto importante affrontato è la rateizzazione delle bollette di fine 2013: “Ad alcune aziende – continua Boscolo – sono arrivati da pagare importi di diversi migliaia di euro, in periodi in cui l’azienda non è attiva e non ha utili. Ovvie le difficoltà da parte dei nostri associati e l’opportunità di rateizzare è sicuramente cosa gradita e importante”.

Argomento principe della discussione è stato il calcolo della tassa sui rifiuti. Attualmente ci si basa sui metri quadri della proprietà. In questo modo campeggi e stabilimenti balneari pagano cifre enormi anche quando non producono rifiuti, magari perché ha piovuto per diversi giorni o perché ci sono pochi clienti. “Per la prima volta – continua Fabrizio Boscolo – c’è stata un’apertura di Veritas ad utilizzare altri metodi di calcolo che, tra l’altro, sono già stati sperimentati in altri comuni e che si basano tutti sul “chi più sporca e inquina e più paga”. Ora speriamo che si arrivi ai fatti il prima possibile. Inoltre abbiamo chiesto a Veritas di farsi parte attiva, nei confronti della Regione, per modificare la classificazione dello “spiaggiato” in modo da rendere le operazioni di pulizia meno onerose per tutti, soprattutto per la collettività”.

All’incontro era presente anche il presidente di Ascot (associazione che raggruppa alcuni stabilimenti balneari) Giorgio Bellemo: “E’ stata una chiacchierata sicuramente piacevole e cordiale – afferma – ma non dobbiamo dimenticare che è l’amministrazione comunale che deve dare determinati input a Veritas. Se questo non accade tutti i buoni propositi decadono. Per altro sono tutte soluzioni che sono previste dalla normativa, quindi non stiamo parlando di piaceri o favori che qualcuno deve fare agli operatori turistici. Inoltre c’è da ragionare su una cosa: se un imprenditore ti chiede la rateizzazione delle proprie tasse non è che per caso queste sono troppo alte per i guadagni attuali? A qualcuno dei nostri associati sono arrivati, oltre alla bolletta ordinaria, ulteriori 25 mila euro da pagare. Una riflessione su questo andrebbe fatta. Per quanto riguarda i rifiuti sono anni che noi chiediamo di occuparci direttamente anche della pulizia della spiaggia, ma non ci è mai stato concesso”.

 

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *