Do You Speak Chioggiotto?

Chioggia: due 19enni croate fermate per possesso ingiustificato di chiavi alterate

Scritto da il 21 febbraio 2014 alle 15:02
polizia

Alle ore 12.00 di ieri a Chioggia la volante del locale Commissariato di P.s. che era impegnata in quel momento nel servizio di controllo del territorio per prevenire e contrastare i furti in città ha notato, in prossimità di Calle Manfredi, due giovani donne muoversi con atteggiamento sospetto.

Gli agenti hanno effettuato un controllo delle due persone, identificate come due cittadine croate, entrambe 19enni, senza fissa dimora: a loro carico, dopo un’interrogazione alla banca dati interforze del Ministero dell’Interno, sono emersi numerosi precedenti di polizia in materia di reati contro il patrimonio.

Quasi a prevedere quelle che potevano essere le conseguenze di questo controllo, le due giovani donne hanno consegnato spontaneamente agli agenti arnesi da scasso occultati all’interno degli abiti (vari cacciaviti, una chiave inglese ed una pellicola in plastica rigida), che sono stati posti sotto sequestro.

Condotte negli uffici del Commissariato clodiense, le due cittadine croate, verosimilmente in città in cerca di abitazioni incustodite da svaligiare, sono state denunciate in stato di libertà per il reato di possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli.

La Questura di Venezia – Commissariato di P.S. di Chioggia invita, ancora una volta, i cittadini a segnalare ai numeri di soccorso pubblico ogni informazione utile e segnalazione sospetta per consentire alle forze dell’ordine di migliorare ulteriormente il proprio lavoro nell’ambito della prevenzione dei reati di natura predatoria.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *