Do You Speak Chioggiotto?

Clodiense, parte bene il 2014

Scritto da il 6 gennaio 2014 alle 13:01
Clodiense- formigine Gianluca Franciosi in azione

Il nuovo anno parte nel migliore dei modi per la Clodiense che espugna il rettangolo di Castelfranco Emilia conquistando la seconda vittoria in trasferta di questo campionato. Vittoria meritata perchè, pur soffrendo nel finale il ritorno dei modenesi, la squadra di Andrea Pagan ha sfiorato in più occasioni la rete del raddoppio che avrebbe potuto chiudere ben prima il match. Stavolta comunque, come già capitato in altre cirocstanze, i granata hanno saputo rimanere in piedi nel concitato finale e vendicare così la sconfitta subita all’andata al “Ballarin”.

Al “Ferrarini” di Castelfranco Emilia, mister Pagan non stravolge la squadra che aveva pareggiato prima di Natale a Fidenza. Unica variante in attacco Cortellezzi con Emanuele Busetto arretrato a metà campo e Bellemo sulla linea dei difensori. In panchina ci sono i nuovi acquisti Carlucci e Fabio Busetto, che entrerà nel finale. Non ci sono invece gli altri due nuovi arrivi Del Prete e l’ivoriano Yao ancora in attesa del tesseramento.

In avvio di gara la Clodiense fa capire subito le sue intenzioni e non si lascia intimidire da una Virtus che, alla pari dei chioggiotti, ha assolutamente bisogno di punti. Così dopo un tentativo di Franciosi al 12’ con un tiro che lambisce il palo, i granata passano in vantaggio al 17’: un tentativo di Cortellezzi viene respinto dalla difesa, la palla arriva a Ridolfi che da fuori area indovina il pertugio giusto. Alla mezzora vibrante proteste giallobianche per un presunto rigore invocato da Oubakent. Al 42’ una punizione di Franciosi trova pronto Gibertini, mentre al 43’ è Nutta che deve volare per neutralizzare un colpo di testa di Dalrio. Si va al riposo sull’1-0.

Nella ripresa la trama è piuttosto evidente: Virtus che attacco e Clodiense micidiale in contropiede. Al 10’ Franciosi lancia Ridolfi davanti a Gibertini che respinge, arriva Cortellezzi ma trova una nuova respinta, ci prova pure Franciosi ma la difesa di casa chiude. Altra occasioni per la Clodiense al 16’ quando Negri perde palla sulla terquarti, Ridolfi lancia Cortellezzi che saggia i riflessi di Gibertini. Perciolosa la Virtus a metà ripresa qundo un tiro di sacenti costringe Nutta agli straordinari, ma è la Clodiense ad avere l’occasione migliore per raddoppiare al 34’ quando un gran tiro di Busetto picchia contro la traversa. Il finale è tutto di marca emiliana ma il fortino lagunare tiene e porta a casa la vittoria.

Le voci del dopo gara

Andrea Pagan (all. Clodiense): ci tenevamo molto a partire bene. Abbiamo fatto una buonissima prestazione come in altre circostanze solo che questa volta siamo stati bravi a stringere i denti, sofrrire e portare a casa i tre punti. Nel finale, non avendo chiuso la partita in precedenza, abbiamo sofferto per una quindicina di minuti, ma abbiamo retto l’urto dimostrando una buona maturità”.

Marcello Chezzi (Virtus Cas.): arbitraggio scandaloso perchè ci è stato negato un rigore sacrosanto. Non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi che hanno giocato con cuore e intensità. Non mi resta che fare i complimenti alla Clodiense”.

Virtus Castelfranco-Clodiense 0-1

Virtus Castelfranco: Gibertini, Sacenti, Di Giulio, Negri, Baldaccini, Girelli, Oubakenti (20’st. Louichi), Sassarini, Dalrio (20’st. Formato), Rossi, Migliaccio. A disposizione: Gallerani, Nobile, Buldrini, Anev, Hoda, Berselli, De Marco. Allenatore: M. Chezzi. Clodiense: Nutta, Bellemo, Sambo, Ponce, Moretto, D. Boscolo Berto, Iobbi (29’st. F. Busetto), E. Busetto, Ridolfi (49’st. Vendrametto), Franciosi (37’st. Corradini), Cortellezzi. A disposizione: Baldan, Carlucci, Olivieri, Schiavon, Vidal, Urtiaga. Allenatore: A. Pagan.

Arbitro: Iovine di Napoli. Rete: pt. 17’ Ridolfi. Note: ammoniti Sacenti, Girelli, Bellemo, Sambo, E. Busetto. Spettatori: 200 circa. Recupero: 1’pt. e 5’st.

Autore: Daniele Zennaro

Nato a Chioggia il 27 Febbraio 1967. A BCS ricopre il ruolo di direttore responsabile della testata giornalistica radiofonica e partecipa, in qualità di opinionista,  alla trasmissione sportiva del Sabato Mezzogiorno Big Match.

La sua esperienza radiofonica parte nel lontano 1986 dai microfoni di RADIO CHIOGGIA LIBERA quando assieme ad Adolfo Pagan, conduceva un programma che si chiama[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *