Do You Speak Chioggiotto?

Spettacolo a Chioggia per i 200 anni di Giuseppe Verdi

Scritto da il 8 ottobre 2013 alle 10:10
Giuseppe Verdi

In occasione del compleanno di Giuseppe Verdi, che si celebra il 10 ottobre, all’interno degli Istituti Superiori secondari del Veneto riparte il tour della lezione spettacolo che celebra le opere e la storia del grande musicista italiano.

Pur non essendo un personaggio di origine veneta Giuseppe Verdi ha avuto un rapporto privilegiato con la nostra regione, soprattutto con Venezia e il Teatro La Fenice, in cui hanno debuttato alcune delle sue più importanti opere (Rigoletto 1851, La traviata 1853). Questa lezione spettacolo – rivolta agli studenti e quindi presentata come le precedenti direttamente all’interno delle scuole – offre una valida opportunità didattica complementare e alternativa in quanto, attraverso il linguaggio teatrale, permette la diffusione della poetica musicale e delle correnti artistiche dell’800.

Per quest’anno scolastico la lezione VIVA VERDI! INVITO ALL’OPERA Questa non è una musica per vecchi debutterà a Chioggia proprio giovedì 10 ottobre presso il Liceo Scientifico G. Veronese per poi fare tappa – sempre ad ottobre – in molti altri istituti del Veneto.

Cosa dovrebbe spingere i nuovi adolescenti a farsi coinvolgere nelle vicende di un personaggio così lontano da loro come GIUSEPPE VERDI? Ce lo spiega l’attore Andrea Pennacchi che ne è anche interprete: Giuseppe Verdi (1813 – 1901) è uno dei musicisti italiani più famosi nel mondo, nell’elitario mondo dell’Opera Lirica le sue opere sono considerate quasi “popolari”, tanto che nel centenario della sua morte -nel 2001- venne allestito a Central Park, dalla New York Grand Opera l’intero corpus operistico del compositore emiliano (ben ventotto opere!) registrando afflussi da concerto rock, con tanto di gente che faceva a pugni per gli ultimi biglietti disponibili. Tra l’altro, quella fu l’unica occasione, debitamente registrata dal Guinness Book of Records, in cui tutte le sue opere vennero messe in scena in ordine cronologico, nell’arco di sette anni (il folle regista era Vincent La Selva, italoamericano di Cleveland, regista non abilissimo o famoso, ma certamente tenace). Aida, una delle sue opere più famose, è diventato un musical di Brodway, ri-arrangiato da Elton John, e la Disney aveva iniziato la produzione (poi abbandonata) di un cartone animato su questo soggetto, progetto portato invece a termine nel 2001 dall’italianissima Lanterna Magica, con la colonna sonora composta da Ennio Morricone, un libero adattamento intitolato: Aida degli alberi (con una trama tanto simile a Avatar da spingere il produttore italiano a fare causa a James Cameron). Questi sono solo due esempi di quanto Verdi attraversi ancora la cultura di questo nostro mondo globalizzato. Ma cosa sappiamo veramente di quello che è stato definito, non senza ragioni, il nostro Mozart? Ho voluto indagare un po’ nella vita e nelle opere di questo uomo straordinario, a cui sono dedicate piazze e viali in ogni città, le cui “arie” ognuno conosce anche se non ha mai fatto da spettatore a un’opera lirica (basti pensare a “Va’ Pensiero”, o a “La donna è mobile”), e ne ho approfittato per conoscere e far conoscere meglio anche l’Opera Lirica stessa, genere un tempo adorato dalle masse e ora ridotto – tranne che in alcuni casi particolari – a costoso intrattenimento d’élite, proprio qui: in Italia, la sua patria d’origine! Il risultato – grazie anche all’aiuto del musicista Giorgio Gobbo – è stata la scoperta che Verdi e l’Opera sono tutt’altro che “roba per vecchi”, anzi: sono musica per giovani orecchie. Siete tutti invitati, vestitevi come volete.

 


 

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *