Do You Speak Chioggiotto?

“Si può fare!” è realta. Inaugurata la casa di accoglienza a Porto Viro

Scritto da il 23 ottobre 2013 alle 11:10
si può fare, titoli minori

“Dietro ogni fatto c’è un diario, dietro ogni azione una biografia, dietro ogni comportamento una visione del mondo. È in queste narrazioni spesso silenziose e ancor più spesso inascoltate che vanno individuati gli indizi per un progetto educativo che partendo da queste storie riesca ad andare oltre.”

Sabato 19 ottobre 2013, presso il teatro salesiano san Giusto erano tanti i presenti al momento di presentazione e riflessione, intitolato idea V.A.S.T.A. , e finalizzato all’inaugurazione del progetto di prossimità e integrazione “Si può fare!”.

Idea V.A.S.T.A. è acronimo di Vedere, Ascoltare, Sentire, Toccare e Assaporare l’Accoglienza, la voglia di vivere, la necessità di relazionarsi all’Altro attraverso tutti i canali sensoriali.

Grande entusiasmo e partecipazione per l’apertura della struttura di accoglienza in via Salvo d’Acquisto a Porto Viro. “Si può fare!” è realtà.  È una casa.  È accoglienza. È spazio ed è un tempo. Una casa tra le case dove, al termine dell’ iter burocratico, verranno accolti minori allontanati provvisoriamente dal proprio nucleo familiare, ragazzi a rischio di devianza e persone diversamente abili che sperimenteranno la quotidianità della vita insieme.

La Cooperativa Titoli Minori ha raggiunto un grande traguardo, frutto di un lavoro di anni, di una progettazione mirata. Tanti i soci e operatori che si sono messi in gioco e si sono adoperati nello studio e nell’approfondimento, nella ricerca di ‘senso’ del proprio lavoro, accettando una sfida, quella della sofferenza, del disagio e dell’educazione dei ragazzi più fragili.

Si lavorerà tutti i giorni, con la sofferenza, il disagio, l’emarginazione; ma mossi dalla consapevolezza e convinzione che dal giovane al bambino, dall’abile al disabile, ciascuno ha diritto di lavorare sulle proprie sofferenze e fragilità, ciascuno ha il diritto di ricucire ferite e costruire ciò che non è stato possibile fare per le debolezze di altri, ciascuno ha il diritto di ricevere un’opportunità, di avere un occasione per alzarsi, o rialzarsi e crescere.

abbraccioUn progetto alto e ambizioso in cui la Cooperativa crede, un progetto innovativo sia per metodologia che per contenuti che ha avuto il plauso dei molti presenti all’inaugurazione, uno tra questi il professor Turchi dell’università di Padova che ha mediato la conferenza e che ha chiesto alla Cooperativa di presentare il progetto presso l’Università di Padova, alla Facoltà di Scienze della Formazione ed Educazione e alla Facoltà di Psicologia.

La struttura in via Salvo d’Acquisto a Porto Viro è composta di due piani. Al piano primo un appartamento, dove prenderà vita la comunità educativa ‘IN-Patto’, che accoglierà sei minori in età adolescenziale, allontanati temporaneamente dal proprio nucleo familiare. La comunità sarà gestita da un coordinatore e un’equipe di educatori professionali, e supervisionata da uno psicologo clinico, sarà aperta 24 ore su 24 e avrà la caratteristica della familiarità. Gli educatori non si sostituiscono alle figure genitoriali ma fanno da ponte nel lavoro con i minori e le loro famiglie di origine.

Al piano terra, l’appartamento ospiterà dal lunedì al venerdì un centro diurno, accogliendo quelle situazioni a rischio di devianza ed emarginazione; mentre il sabato e la domenica ospiterà il progetto FRIEND’S, progetto di vita indipendente per ragazzi diversamente abili, i quali potranno sperimentare le loro capacità nella gestione e cura personale e della casa, vivendo per 48 ore lontano dai genitori e dal contesto familiare, ma con la supervisione di un operatore.

Quindi una struttura polivalente e di integrazione, in cui i ragazzi potranno condividere gli spazi e vivere momenti insieme.

maniLa mattinata di sabato è stata ricca di emozioni e testimonianze; la dott.ssa Valeria Tiozzo, presidente della Cooperativa, ha aperto i lavori presentando il progetto e ringraziando quanti hanno voluto partecipare e finanziare la realizzazione dell’opera; ha illustrato le motivazioni che ci hanno spinto a presentare il progetto partendo dalle relazioni quotidiane, che si esprimono attraverso Idea V.A.S.T.A.

A seguire, Manuela Curina referente dell’area handicap della Cooperativa, ha dato voce alle parole della ministra per l’integrazione Cècile Kashetu Kyenge, che nei giorni precedenti all’inaugurazione ha inviato alla Cooperativa il suo augurio e incoraggiamento per la nuova sfida.

Presente il nostro vescovo monsignor Adriano Tessarollo, Presidente dell’Associazione Orcio di Elia, che ha testimoniato tutto il suo appoggio all’iniziativa e la fiducia nella Cooperativa per la gestione di un progetto di prossimità e integrazione come questo. Il vescovo ed i soci dell’associazione Orcio di Elia hanno fortemente creduto nella realizzazione del progetto tanto da destinare lo stabile in comodato d’uso alla Cooperativa.

L’intervento del professor Turchi ci ha aiutato a spaziare tra le varie riflessioni, e a cogliere il senso dell’accoglienza attraverso i cinque sensi; varie le testimonianze, Carmen e Veronica con la loro esperienza di comunità educativa ci hanno fatto vivere e sentire con profonda partecipazione l’importanza di aver incontrato nel loro percorso di vita figure solide di riferimento, che le hanno fatte sentire accolte, volute e amate, semplicemente in quanto persone. Emotivamente coinvolgente il racconto di come anche nel tempo successivo all’inserimento in struttura tali figure si sono per loro rivelate fonte di sicurezza, porto sicuro dove rifugiarsi nei momenti di sconforto e difficoltà che la vita comunque ci riserva.

Poi ancora le testimonianze audio, brevi ma incisivi racconti sull’esperienza di essere accolti, raccontati dai bambini e dai ragazzi inseriti e seguiti nei nostri centri diurni.

Il percorso attraverso i sensi è stato ideato e creato dagli operatori e da ciò che ciascuno sa fare e sa donare agli altri: dall’accompagnamento musicale, alla raccolta di foto, dall’allestimento del teatro, alla gestione del rinfresco. Niente lasciato al caso e tutto realizzato con l’apporto di ciascuno.

Presenti molte autorità del territorio, dai rappresentanti politici del Comune di Porto Viro con l’assessore al sociale Marinelli Nicola, la professoressa Marina Bovolenta, Presidente della Conferenza dei Sindaci dell’ulss 19, Marinella Mantovani assessore provinciale di Rovigo alle politiche sociali e alla famiglia, numerosi rappresentanti politici e tecnici dei comuni limitrofi afferenti all’ulss 19 di Adria, della 18 di Rovigo e della 14 di Chioggia.

A concludere l’inaugurazione e il percorso sensoriale, la possibilità per tutti i presenti di contribuire alla realizzazione del logo identificativo del progetto e l’invito ad assaporare l’accoglienza consumando il gustoso buffet, preparato dai ragazzi del progetto Gust-abile promosso dalla Cooperativa Titoli Minori.

La Cooperativa sta attuando un percorso di sensibilizzazione del territorio, per far conoscere la Comunità e rendere tutta la cittadinanza partecipe di questo progetto di Accoglienza ampia e integrata. Spesso i ragazzi accolti nelle strutture sono persone fragili ed emarginate e la partecipazione alla vita della comunità li aiuta nella costruzione di un sé più forte e responsabile.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *