Do You Speak Chioggiotto?

Due romeni fermati per furto di rame

Scritto da il 18 ottobre 2013 alle 14:10
FurtoRame

Due romeni fermati per furto di rame.

Il furto era stato messo a segno in più fasi, impiegando diverse notti per recuperare tutta la refurtiva. Nel mirino dei ladri la base aeronautica militare a Chioggia dell’81esimo gruppo intercettatori teleguidati della Prima aerobrigata di Padova dismessa da anni. I malviventi erano entrati scassinando la recinzione e si erano quindi diretti nell’area di lancio dei missili dove, scavando, sono riusciti a dissotterrare ben 200 chilogrammi di cavi di rame dell’impianto elettrico sotterraneo.

Sabato mattina, seguendo i ladri, uno di 66 anni e l’altro di 28 anni, entrambi romeni, i militari dell’arma sono riusciti a risalire al loro ricettatore, un 63enne padovano ex idraulico, incensurato con precedenti di polizia. Quest’ultimo è stato sorpreso in flagranza mentre, nel magazzino che si era ricavato all’interno di una ditta in via Settimana Strada in zona industriale a Padova, stava per pesare il primo fasciame di refurtiva. Nei suoi confronti è scattato l’arresto in carcere obbligatorio, mentre i due romeni sono stati sottoposti a fermo per furto pluriaggravato e continuato.

A seguito di perquisizione, i carabinieri hanno rinvenuto cinque chilogrammi di materiale fuso, probabilmente oro e argento forse provento di altri illeciti e un paio di orecchini da donna provento di furto nei giorni scorsi a Vigodarzere. Ulteriori indagini sono in corso per stringere il cerchio attorno a altre persone coinvolte nel furto e ricettazione di metalli.

Note
Fonte: Venezia Today

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *