Do You Speak Chioggiotto?

Pompe anti-allagamento a Sottomarina. Soluzione tampone in attesa dei lavori

Scritto da il 24 settembre 2013 alle 15:09
Sottomarina acqua alta

In attesa della realizzazione della nuova maxi conduttura della rete fognaria, a Sottomarina sono state installate delle pompe che saranno messe in funzione in caso di violenti acquazzoni; questo per evitare che la zona compresa tra il Bariga e l’Hotel Mosella sia allagata (cosa che puntualmente succede con piogge intense, anche di breve durata).

Per evitare che venga rubato da malintenzionati, il gasolio per il funzionamento delle pompe sarà inserito nel serbatoio all’occorrenza, direttamente dal tecnico incaricato all’accensione.

Secondo quanto riportato dal Gazzettino, i residenti non sembrano però molto contenti, in quanto era stato proposto un sistema più economico che consisteva nel realizzare dei fori con apertura a pressione lungo tutta la riva. L’idea non era stata presa in considerazione in quanto le acque piovane, ritenute inquinanti, non potevano finire direttamente nel Lusenzo. Eppure, le pompe da poco installate smaltiranno l’acqua proprio direttamente in laguna, seppur solo in caso di emergenza. Inoltre, in prossimità del ponte dell’Unione, è stata montata una paratia con la stessa funzione.

L’assessore ai Lavori Pubblici Riccardo Rossi difende l’operato,sottolineando che si tratta solo di un intervento tampone, in attesa della soluzione definitiva (e non inquinante) contro gli allagamenti, che dovrebbe arrivare a fine 2014 con il termine dei lavori di costruzione della nuova rete fognaria (opera che costerà 22 milioni di euro).

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *