Do You Speak Chioggiotto?

Coppa italia: la Clodiense elimina il Monfalcone

Scritto da il 25 agosto 2013 alle 22:08
Clodiense Coppa Italia

Grazie ad una zampata di Stefano Bellemo nel primo tempo la Clodiense batte il Monfalcone ed accede al secondo turno di Coppa Italia. Non è stata una partita particolarmente emozionante sotto il profilo delle occasioni da rete, ma i granata hanno decisamente meritato la vittoria per aver condotto il pallino del gioco per buona parte della gara, lasciando agli ospiti qualcosa nel finale di partita. Il tecnico Andrea Pagan schiera la Clodiense con Iobbi davanti alla difesa a quattro, mentre Bellemo si posizione nel ruolo di mezzala destra e Ridolfi è il terminale offensivo di un tridente che prevede Nicolas Busetto e Franciosi più larghi sulle fasce. Il Monfalcone di Giuliano Zoratti (ex Itala San Marco), orfano di Araboni, risponde con un lineare 4-4-2 affidando i pericoli ai piedi di Acampora e la difesa all’esperienza di Carli.

Solo tiri dalla distanza nella prima parte di gara. Ci provano nell’ordine Franciosi (11’, a lato), Acampora (13’, punizone deviata dalla barriera) e Bellemo (26’, tiro a giro fuori di poco). Ridolfi prova ad approfittare di un errore nel rinvio del portiere Contento, ma poi viene rimontato e l’azione sfuma. Monfalcone vicino al gol al 27’: gran tiro da fuori di Acampora con Luca Boscolo che si distende e manda in corner. Al 37’ il gol partita: Sambo scende sulla fascia e crossa dal fondo sul secondo palo dove arriva Bellemo che al volo mette dentro. La reazione degli ospiti arriva con un tiro di Martincigh (42’) che si perde sul fondo. Nella ripresa Zoratti gioca la carta Miraglia, match winner sette giorni fa a Trieste, ma il copione non cambia. I tiri dalla distanza di Iobbi (8’) e Franciosi (10’) non sono precisi, mentre il goriziano Acampora (17’) scodella una punizione per la testa di Carli che sfiora il palo. Martincigh (26’) scaraventa sul fondo una palla vagante in area, mentre al 30’ e 33’ Franciosi costringe il portiere Contento agli straordinari. L’ultimo brivido arriva al 48’ quando Carli mette in area una palla che nessuno è lesto a deviare a rete. La vittoria va così alla Clodiense che si prepara al meglio per il debutto in campionato di domenica prossima.

Le voci del dopo gara

Andrea Pagan (all. Clodiense): è una vittoria meritata perchè abbiamo sempre tenuto il pallino del gioco e la nota positiva è che non abbiamo subito gol.

Marco Iobbi (Clodiense): giocare davanti alla difesa è il ruolo che preferisco. Abbiamo fatto una buona gara.

Stefano Bellemo (Clodiense): sono contento di aver segnato dopo aver ereditato la fascia di capitano da un grande giocatore e amico come Ballarin.

Giuliano Zoratti (all. Monfalcone): sono contento lo stesso, anche se senza il nostro terminale offensivo Araboni non era per niente facile.

CLODIENSE-MONFALCONE 1-0

Clodiense (4-3-3): L. Boscolo; Corradini (19’st. Olivieri), Bianchi, D. Boscolo Berto, Sambo; Bellemo, Iobbi, Del Soldato (39’st. Ponce); N. Busetto (42’st. Schiavon), Ridolfi, Franciosi. A disposizione: Baldan, D. Boscolo Gioachina, Vendrametto, E. Busetto, Dell’Andrea, Villanovich. Allenatore: Pagan.

Monfalcone (4-4-2): Contento; Cussigh, Gallinelli, Carli, Missio; Martincigh, Coacci (13’st. Bardini), Raffa, Strussiat (1’st. Miraglia); Acampora, Fabris (25’st. Costa). A disposizione: Zwolf, Montina, Dallan, Piccolo. Allenatore: Zoratti.

Arbitro: Bianchini di Cesena

Rete: pt. 37’ Bellemo.

Note: giornata fresca, terreno in buone condizioni. Ammoniti: L. Boscolo, Corradini, Sambo, Bianchi, Bellemo, Gallinelli. Angoli: 4-3 per la Clodiense. Spettatori: 150 circa. Recupero: 1’pt. e 4’st.

Autore: Daniele Zennaro

Nato a Chioggia il 27 Febbraio 1967. A BCS ricopre il ruolo di direttore responsabile della testata giornalistica radiofonica e partecipa, in qualità di opinionista,  alla trasmissione sportiva del Sabato Mezzogiorno Big Match.

La sua esperienza radiofonica parte nel lontano 1986 dai microfoni di RADIO CHIOGGIA LIBERA quando assieme ad Adolfo Pagan, conduceva un programma che si chiama[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *