Do You Speak Chioggiotto?

Licenze a punti, plateatici anche il giovedì e brand unico. Le proposte dell’Ascom

Scritto da il 22 luglio 2013 alle 15:07
centro storico

Tutelare l’immagine della città e prevenire i danni che potrebbero derivare dalla liberalizzazione delle licenze decisa dal governo. Sono questi gli obiettivi di una proposta dell’Ascom locale, al fine di tutelare la qualità dei pubblici esercizi.

Dopo la scelta del Governo di liberalizzare le licenze, si paventa il rischio che nascano come funghi i pubblici esercizi, inseriti in spazi inadeguati e ristretti, privi di servizi igienici e che finiscono con l’usare la strada come spazio proprio, impedendone la fruizione ai cittadini, sporcando il suolo pubblico ma anche assicurandosi lauti guadagni grazie alla moda dello spritz hour.

Ascom chiede plateatici fissi anche il giovedì, licenze per i pubblici esercizi blindate e un unico brand per i locali del centro storico. Sarebbe necessaria quindi la ricollocazione dei banchi del mercato settimanale. L’associazione propone poi un regolamento a punti per evitare che chiunque possa aprire un bar o un ristorante senza avere competenze specifiche e senza fare investimenti adeguati.

Ogni caratteristica del pubblico esercizio avrà quindi un punteggio: da quelle fisiche (superficie disponibile, servizi igienici anche per disabili, arredamento, ecc.) a quelle di servizio (attestati professionali, uso di prodotti locali e tradizionali, ecc.). Per ottenere la licenza si dovrà quindi conseguire un punteggio minimo prefissato e, quindi, ogni nuovo esercente potrà “scegliere” su cosa puntare, quali aspetti del locale curare maggiormente per raggiungere il livello qualitativo richiesto dal punteggio.

Note
foto www.sdamy.com

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .