Do You Speak Chioggiotto?

Porto off shore: niente accordo, proteste dei pescatori

Scritto da il 22 maggio 2013 alle 19:05
porto off shore 1

Lega Pesca, Federcoopesca, Agci Agrital e Coldiretti Impresa Pesca del Veneto hanno proclamato lo stato di agitazione immediato dopo la mancata sottoscrizione del protocollo di intesa sulle modalità di realizzazione del terminal off shore al largo del Porto di Venezia, aggravata – sottolineano – “dal silenzio da parte dei soggetti proponenti il progetto che dura ormai da oltre dieci giorni”.

“Dopo i tanti incontri fra tutti i soggetti coinvolti – spiegano in un comunicato le associazioni – si era finalmente arrivati a un testo condiviso. L’intesa includeva un piano di ricomposizione ambientale, produttiva ed economica, a dimostrazione di come i pescatori non siano contrari a priori all’infrastruttura. Quello che chiediamo è che vengano assicurate le dovute compensazioni per gli effetti che inevitabilmente deriveranno alla loro attività dalla realizzazione e gestione del porto off shore”.

I pescatori, prosegue la nota, chiedono inoltre che sia definito “un piano integrato per la salvaguardia della fascia costiera”. Prerequisiti, questi, che, evidenziano le stesse associazioni, il protocollo metteva nero su bianco. “Riteniamo imprescindibile e indispensabile – conclude la nota – che ci venga data una risposta subito. Fino ad allora proseguiremo con le nostre azioni e moltiplicheremo le attività di informazione e sensibilizzazione rivolte a tutti gli operatori del settore, anche attraverso l’organizzazione di assemblee nei vari territori”. Lo stato di agitazione si concluderà con una manifestazione pacifica a Venezia che avrà luogo fra il 31 maggio e il 5 giugno.

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *