Do You Speak Chioggiotto?

“Granata, solo un colore?”

Scritto da il 2 maggio 2013 alle 12:05
tifosi-torino

“Il granata unisce e non divide”. Con queste parole don Aldo Rabino, padre spirtuale del Torino calcio, ha chiuso il suo intervento all’interno del dibattito promosso dal Panathlon Club, dal Coni di Chioggia, dalla Città di Chioggia e dalla Fondazione Clodiense, sul tema “Granata, solo un colore?”

Si è partiti dal ricordo di Aldo e Dino Ballarin, i due giocatori chioggiotti del Grande Torino periti nella sciagura aerea di Superga del 1949, con filmati anche inediti che ritraevano i due fratelli negli ultimi giorni di vita prima dell’incidente. Don Aldo Rabino ha raccontato dei suoi ricordi di ragazzino nel vedere quelle maglie granata nel vecchio “Filadelfia” annientare qualsiasi avversario. Poi ha parlato dei valori di sofferenza e di sacrificio che sono insiti nella storia del Toro. Presente anche il maestro Luigi Donorà che ai fratelli Ballarin ha dedicato un inno e che si sente molto legato alla città di Chioggia in quanto di origini istriane. Appassionante il racconto del padre salesiano don Italo Fantoni che i Ballarin li ha visti giocare sul campo in sabbia dell’oratorio, quando i palloni non erano di cuoio ma di un materiale che si rompeva spesso e che continuamente veniva rabberciato.

Il dibattito (presenti in sala anche molti esponenti della politica cittadina) si è poi spostato sui giorni nostri, sulla realtà attuale, sul fatto che allo stadio, che porta il nome proprio dei fratelli Ballarin, non ci vanno più molti tifosi. Il difficile rapporto tra l’attuale squadra di calcio ed una tifoseria scontenta non tanto per i risultati, decisamente eccellenti, quanto per lo stacco troppo netto rispetto alle tradizioni del passato. Comunque una bella serata di grandi emozioni tutte legate ai colori granata, scelti nel 1971, l’anno della fusione tra il Clodia ed il Sottomarina, proprio in onore del Grande Torino.

Unica nota stonata la totale assenza di dirigenti e tecnici della Clodiense, a sancire quella mancanza di dialogo e di comunicazione più volte rimarcata in queste ultime due stagioni.

Autore: Daniele Zennaro

Nato a Chioggia il 27 Febbraio 1967. A BCS ricopre il ruolo di direttore responsabile della testata giornalistica radiofonica e partecipa, in qualità di opinionista,  alla trasmissione sportiva del Sabato Mezzogiorno Big Match.

La sua esperienza radiofonica parte nel lontano 1986 dai microfoni di RADIO CHIOGGIA LIBERA quando assieme ad Adolfo Pagan, conduceva un programma che si chiama[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *