Do You Speak Chioggiotto?

Piccoli rimedi fai da te: la cola per la pulizia delle pentole bruciate

Scritto da il 22 aprile 2013 alle 10:04
COCA COLA COME RIMEDIO PER PENTOLA BRUCIATA

Se fino all’altra settimana avrei potuto vantarmi di essere una delle poche a non aver mai bruciato una pentola, da qualche giorno purtroppo ho fatto il salto della quaglia: anche io faccio oramai parte del club della piccole piromani in erba.

Mea culpa. A frittata ormai bruciata, ho cercato di rimediare! Detersivo, paglietta inox ed eccomi pronta con tutto l’olio del mio paffuto gomito, volenterosa di  riportare agli antichi splendori la mia bella pentola. Dopo pochi minuti la situazione si è dimostrata oramai chiara: niente, il nero più nero! Tutta la mia buona volontà non aveva scalfito minimamente il prodotto di quel minuto di distrazione. Quasi oramai rassegnata a buttare via tutto, un ricordo lontano ha riacceso le mie speranze: qualche mese fa in una trasmissione si diceva di come la Coca Cola fosse un ottimo rimedio nel caso di pentole bruciate o super unte.

Decisa di tentare l’ultima carta, ho comprato mezzo litro di cola. E così, tra frutta biologica, farine integrali, tofu e detersivi bio, sbucava, fuori luogo come una tuta da ginnastica durante la prima della Scala, la rossa bottiglietta di Coca Cola. Arrivata alla cassa, mi ha preso uno strano senso di imbarazzo. Quasi mi stavo giustificando con la cassiera di quell’improbabile, almeno per me, acquisto. Per un secondo, però, il buon senso ha prevalso e mi son convinta che probabilmente alla cassiera non gliene fregava niente se  bevevo latte di soya, cola o soda caustica. E così ho pagato con gli occhi bassi, sperando che nessuno mi notasse; o, meglio, nessuno notasse “lei”.

Arrivate a casa, io e la mia nuova alleata non abbiamo resistito e abbiamo subito messo in pratica l’esperimento. Ho preso la pentola incriminata e c’ho versato dentro mezzo litro di coca cola. Ho messo la pentola al fuoco fino alla evaporazione quasi totale del liquido. Nel mio caso, essendo la pentola molto incrostata, ho preferito mettere un coperchio in modo che l’evaporazione fosse più lenta e la cola potesse lavorare per più tempo. Naturalmente quantità di liquido e tempi variano a seconda dell’incrostazione.

Dopo più o meno 8 minuti, meraviglia! Già metà del lavoro era fatto! Ho lasciato ancora la pentola sul fuoco aggiungendo un po’ d’acqua per evitare che  la cola si asciugasse completamente. Dopo qualche minuto ho tolto la pentola dal fuoco, ne ho buttato il contenuto ed  infine l’ho pulita con una leggera passata di spugnetta inox leggera (la stessa che prima non aveva minimamente scalfito lo sporco). Magia delle magie: pentola nuova!

Ok Coca Cola, mi tocca ammetterlo: per oggi possiamo essere amiche!

 

Autore: Cristina Carbonin

Chioggiotta, Gemelli, Tim Burton, Negramaro, Steve Mccurry e Michael Ende.

Direi che, se dovessi descrivermi usando al massimo 10 parole, queste mi rappresenterebbero al meglio.

Avendo a disposizione qualche parola in più’ cercherò di presentarmi così come meglio mi viene:

Mi chiamo Cristina e sono nata nel 1976 in una bella giornata di fine maggio.

Chioggiotta [...]

Leggi il resto su .

Un commento

  1. Luciano Frizziero

    22 aprile 2013 at 13:26

    Fate un viaggio in nave e soffrite il mal di mare? Con la coca passa. Provate