Do You Speak Chioggiotto?

La Clodiense non molla

Scritto da il 14 aprile 2013 alle 23:04
gol-Pradolin

La Clodiense non molla ed a tre giornate dalla fine rimane in corsa per la vittoria finale. I granata hanno battuto di misura il Trissino Valdagno di Alessandro Renica, al termine di una partita scorbutica e contro una squadra abbottonatissima e decisa a chiudere tutti gli spazi agli attaccanti lagunari. Una vittoria che permette alla Clodiense di consolidare la propria posizione nei play off (distaccato il Real Vicenza di quattro punti), di agganciare la Sambonifacese e rimanere a quattro punti dalla capolista Delta Porto Tolle, vincente a Montebelluna.

E’ la ventesima vittoria in questo campionato degli uomini di Vittadello a dimostrazione del fatto che la squadra chioggiotta sta disputando una stagione straordinaria. Renica schiera il suo Trissino con cinque difensori in linea, giusto per far capire che non ci saranno sconti e che la sua squadra non è scesa in laguna in gita scolastica. L’intento di portare a casa lo 0-0 per i rossoblù è piuttosto evidente. Vittadello rispondendo confermando il 4-4-2 anche se con qualche variante nello schieramento. Il forfait dell’ultima ora di Busatto costringe il tecnico lagunare a schierare Dal Corso nel ruolo di terzino destro e ad affiancare Davide Boscolo Berto ad uno straordinario Ballarin, il migliore in campo. In mezzo Malagò gioca più defilato a destra, ruolo nel quale ha meno dimestichezza, mentre davanti gli attacchi sono affdiati a Boseggia e Lella.

Dopo un primo quarto d’ora di studio è il Trissino a bussare per primo alla porta di Luca Boscolo che deve distendersi per deviare un tiro a giro di Marchetti. Prende in mano le redini del gioco la Clodiense che costruisce una buona opportunità al 21’: Olivieri trova il corridoio giusto per Boseggia che addomestica il pallone ma poi strozza il tiro. Al 33’ Davide Boscolo Gioachina lancia Pradolin che arriva sul fondo e scarica in mezzo per Lella che si fa stoppare il tiro dal tentativo disperato di Severgnini. Proteste vicentine al 38’ quando Chiarello viene steso in area da Dal Corso ma per l’arbitro si tratta di simulazione dell’attaccante rossoblù. L’ultima emozione del primo tempo arriva al 45’ con un diagonale tenero di Lella bloccato a terra da Vivian. Nella ripresa il caldo si fa sentire ed il ritmo cala piuttosto nettamente. Vittadello al 22’ decide di rischiare Cacurio, in non perfette condizioni fisiche, al posto di Margherita e viene ripagato poco dopo. E’ il 24’ quando proprio il nuovo entrato serve una buona palla a Boseggia che va al tiro ma trova la parata di Vivian, l’azione si sviluppa sul lato opposto e Lella serve un bell’assist a Pradolin che riesce a tirare ed a sorprendere Vivian che non trattiene la sfera che scivola in rete. Il Trissino porva una reazione d’orgoglio ma la Clodiense si chiude bene e concede pochissimo agli avversari. In pieno recupero, anzi, è la Clodiense a sfiorare il bis quando Lella s’invola in campo aperto ma al momento del tiro incespica goffamente sul pallone. Vince comunque la Clodiense attesa domenica dal derby con il San Donà. Le voci del dopo gara.

Mario Vittadello: Il Trissino è venuto a Chioggia con il chiaro intento di portare a casa lo 0-0. Noi siamo stati poco lucidi nel primo tempo quando potevamo sbloccare il risultato prima. Comunque se si vince lo stesso è un buon segno. Stiamo sfruttando al meglio le nostre potenzialità, ma non dobbiamo guardare la classifica. Dobbiamo invece rimanere concentrati fino alla fine.

Ivano Boscolo Bielo (presidente): Tre punti sofferti ma meritati. Continuiamo il nostro percorso in questo nostro campionato strepitoso. Alberto Ballarin: Partita difficile, complice anche il caldo, contro una squadra ben messa in campo. Abbiamo agganciato la Sambo ma dobbiamo tenerci il nostro posto nei play off. Un elogio particolare a Dal Corso che ha giocato all’ultimo momento in un ruolo non suo.

Davide Boscolo Gioachina: Partita dura ma l’importante era vincere. Per saltare la loro linea difensiva l’unica soluzione era la palla sopra per Pradolin e Lella. Alessandro Renica (tecnico Trissino): Partita ordinata tatticamente dove c’erano pochi spazi. Sapevamo che se la Clodiense andava in vantaggio sarebbe stata dura perchè loro si compattano e lottano su ogni pallone. Se ci davano quel rigore nel primo tempo forse la gara sarebbe cambiata. La Clodiense non fa molto per vincere ma vince perchè è una squadra molto cinica ed oggi ha vinto grazie ad un gollonzo.

Franco Cerilli (ex giocatore): Una classifica del genere avrebbe meritato ben altra cornice di pubblico.

CLODIENSE – TRISSINO VALDAGNO 1-0

Clodiense (4-4-2): L. Boscolo; Dal Corso, Ballarin, D. Boscolo Berto, D. Boscolo Gioachina; Malagò, Olivieri, Margherita (22’st. Cacurio), Pradolin; Lella, Boseggia (39’st. Schiavon). A disposizione: Ziliotto, Niero, Bellemo, Ponce, Motta. Allenatore: Vittadello.

Trissino Valdagno (5-3-2): Vivian; Vallarsa, Antinori, Chessa, Severgnini (29’st. Asiamah), Malacarne (26’st. Trinchieri); Zani (43’st. Fabris), Pavan, Chiarello; Marianovic, Marchetti. A disposizione: Bordignon, Masiero, Cazzola, Pavesi. Allenatore: Renica.

Arbitro: Chiavaroli di Pescara.

Rete: st. 24’ Pradolin

Note: giornata estiva, terreno di gioco in ottime condizioni. Ammoniti: Pradolin, Vivian, Antinori, Malacarne, Chiarello. Angoli: 5-2 per il Trissino. Spettatori: 300 circa. Recupero: 1’pt. e 4’st.

Autore: Daniele Zennaro

Nato a Chioggia il 27 Febbraio 1967. A BCS ricopre il ruolo di direttore responsabile della testata giornalistica radiofonica e partecipa, in qualità di opinionista,  alla trasmissione sportiva del Sabato Mezzogiorno Big Match.

La sua esperienza radiofonica parte nel lontano 1986 dai microfoni di RADIO CHIOGGIA LIBERA quando assieme ad Adolfo Pagan, conduceva un programma che si chiama[...]

Leggi il resto su .

Un commento

  1. Debora

    15 aprile 2013 at 10:00

    Spettatori: 300 circa…. la nota più brutta di tutto l’articolo.
    Non ci capisco nulla di questa “diatriba” calcistica….. sarà perchè donna… ma da sportiva dico che sarebbe ora che tutto ciò finisse e che questa città con più di 50mila abitanti e con una squadra che speriamo vada ai play-off, dovrebbe avere i sit-in davanti al comune perchè costruissero la “cittadella dello sport” ed uno stadio di tutto rispetto visto i livelli che potremmo raggiungere, in tutte le discipline !!!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *