Do You Speak Chioggiotto?

Clodiense, play off a rischio

Scritto da il 28 aprile 2013 alle 20:04
Clodiense-Ballarin-gol

Brutto finale di campionato della Clodiense che si congeda dal proprio pubblico con una sconfitta che mette addirittura a rischio la partecipazione ai play off.

Tre gol incassati contro un Giorgione sicuramente più pimpante e voglioso nel cercare preziosi punti salvezza. Clodiense che è parsa spenta, quasi demotivata, nonostante ci sia ancora in ballo la difesa del proprio posto nei play off. A non far cadere del tutto nel precipizio i granata, ci hanno pensato i risultati arrivati dagli altri campi che tengono ancora la squadra di Vittadello issata sulla poltrona del quinto posto. Per centrare la qualificazione alla post-season bisgonerà però fare risultato a San Bonifacio, dove comunque servirà ben altro atteggiamento.

Privo dello squalificato Margherita, Vittadello parte con il solito 4-4-2 nel quale Bellemo si piazza esterno destro di difesa e Ponce torna titolare in mezzo al campo, anche se dirottato sulla corsia di destra. Davanti attacchi affidati a Lella e Boseggia. Più spregiudicato l’atteggiamento del Girogione di Daniele Pasa (ex Udinese ai tempi di Zico e papà di Simone, giocatore dell’Inter) che adotta un 4-2-4 dove Vianello e Appiah hanno il compito di fare legna, mentre gli esterni De Sousa ed Esposito giocano sulla linea degli attaccanti.

A partire meglio è comunque la Clodiense che al 4’ sfiora un gol rocambolesco quando un rinvio maldestra del portiere Lorello sbatte addosso a Pradolin con la sfera che esce di pochissimo. Proteste granata al 6’: “cravatta” evidente di Perissinotto su Boseggia per un rigore solare che però l’arbitro non concede. Dopo un tentativo senza esito dalla distanza di Appiah al 17’, la partita ristagna a centrocampo, con la palla che fatica ad arrivare nelle aree di rigore delle due squadre. Si fa male Olivieri al 33’ che viene sostituito dall’esordiente Motta che si posizione esterno destro di difesa, con Bellemo dirottato più avanti ed il conseguente accentramento di Ponce. Per vedere un altro tiro in porta bisogna attendere il 38’ con un tentativo velleitario di Davide Gioachina da fuori area. Sfiora il gol la Clodiense al 40’ con Boseggia che calcia a botta sicura ma trova la deviazione in corner di Lorello. Dall’angolo seguente però arriva in mischia il colpo di testa vincente di capitan Ballarin per il gol dell’1-0 con cui le squadre vanno al riposo.

Nella ripresa il Giorgione entra in campo con piglio decisamente più battagliero rispetto alla Clodiense. Al 10’ ci prova Lella dalla lunghissima distanza ma il suo tiro non fa nemmeno il solletico a Lorello. Pareggia il Giorgione al 12’: triangolo stretto al limite dell’area tra Gazzola ed Esposito con quest’ultimo che penetra centralmente, tra le belle statuine lagunari ed infila con freddezza Luca Boscolo. La Clodiense non reagisce ed al 15’, sotto misura, Gazzola alza oltre la traversa un tiro al volo su cross di Esposito. Vittadello prova a dare maggior freschezza in attacco inserendo Dell’Andrea e Cacurio ed al 20’ Lella, in spaccata, non arriva di un niente sul bel traversone di Malagò. Giorgione avanti al 26’ con una punizione perfetta dal limite di Gazzola che si insacca all’incrocio dei pali. I trevigiani chiudono il conto al 41’ quando Esposito guadagna la linea di fondo e mette in mezzo per l’accorrente Gazzola che segna indisturbato il gol del 3-1.

Le voci del dopo gara

Ivano Boscolo Bielo (presidente): Atteggiamento vergognoso nel secondo tempo da parte della nostra squadra. Una brutta partita, match point in chiave play off buttato via. Credo che i giocatori debbano rispettare fino alla fine i propri impegni, invece mi sembra che qualcuno abbia mollato. Per fortuna siamo ancora in corsa.

Mario Vittadello (allenatore Clodiense): Sono molto amareggiato, non riesco a spiegarmi certe cazzate che ho visto nel secondo tempo. Eppure durante l’intervallo avevo raccomandato di non considerare vinta la partita. Avrei dovuto cambiarli tutti e debbo elogiare solo il ragazzino Motta che ha esordito oggi.

Daniele Pasa (allenatore Giorgione): Nel primo tempo eravamo troppo tesi, poi invece abbiamo avuto una buona reazione nella ripresa. A fine campionato gli stimoli fanno la differenza e magari chi lotta per salvarsi può avere più rabbia di chi lotta per un posto nei play off.

 

Note
Foto: Rasty

Autore: Daniele Zennaro

Nato a Chioggia il 27 Febbraio 1967. A BCS ricopre il ruolo di direttore responsabile della testata giornalistica radiofonica e partecipa, in qualità di opinionista,  alla trasmissione sportiva del Sabato Mezzogiorno Big Match.

La sua esperienza radiofonica parte nel lontano 1986 dai microfoni di RADIO CHIOGGIA LIBERA quando assieme ad Adolfo Pagan, conduceva un programma che si chiama[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *