Do You Speak Chioggiotto?

La Clodiense soffre ma vince

Scritto da il 17 marzo 2013 alle 22:03
Clodiense-Luca Boscolo-Adriano

La Clodiense soffre, subisce per buona parte della gara la verve della Sacilese, stringe i denti ma poi alla fine vince, capitalizzando al massimo una rete di Lella segnata nei minuti iniziali del match.

Granata costretti, a tratti, anche alla trincea ma comunque bravi, anche grazie alla giornata di grazia del portiere Luca Boscolo, a non cadere sotto i colpi di Adriano e compagni. E’ comunque la nona vittoria nelle ultime dieci giornate (la dodicesima in casa, nessuno ha fatto meglio) che porta la Clodiense a superare in classifica il Real Vicenza e ad entrare con pieno merito in zona play off. Complici le assenze di Busatto e Boseggia e con Niero non al massimo della condizione, Vittadello disegna la sua squadra con un inedito 3-5-2 che, in chiave difensiva, abbassa gli esterni Davide Boscolo Gioachina e Barzan sulla linea dei difensori che diventa così a cinque. Più spregiudicata la disposizione della Sacilese che gioca con due punti di ruolo, Adriano e Furlan, e con il trequartista Rossi in appoggio.

Il primo brivido della gara corrisponde però subito al gol della Clodiense che arriva al 7’: pasticcio dei centrali friulani, ne approfitta Cacurio che libera in area Lella, abile ad aggirare anche il portiere e a depositare in rete. La Clodiense, che già in partenza puntava sulla difesa e sul contropiede, porta la partita proprio sui binari a lei più congeniali, anche se la reazione della Sacilese è veemente. Sale così in cattedra il portiere Luca Boscolo che al 13’ è strepitoso prima a respingere con i pugni una punizione velenosa di Niccolini e poi a stoppare con un tuffo d’istinto un tiro a botta sicura di Adriano. L’ex imperatore della laguna ci prova anche al 14’ con un colpo di testa di poco alto. Si fa male Cacurio e allora Vittadello manda dentro Margherita ed avanza il raggio d’azione di Pradolin. Ci prova anche Furlanetto al 38’ con un tiro da fuori deviato con le unghie da Luca Boscolo sul palo. Nel finale di tempo si rivede la Clodiense prima (43’) con una botta da fuori di Olivieri neutralizzata da Bazzicchetto e poi (48’) con una punizione precisa ma lenta di Margherita.

Dopo l’intervallo Parlato sbilancia ancor di più la sua squadra inserendo l’attaccante Martin al posto del centrocampista Furlanetto ma è la Clodiense, in avvio, a sfiorare il raddoppio al 5’: capolavoro balistico da fuori area di Malagò e strepitosa parata in angolo di Bazzicchetto. I granata sono pericolosi nelle ripartenza ed all’11’ Lella parte in campo aperto ma poi, anzichè appoggiare al compagno più libero, spara addosso al portiere. La Sacilese cinge allora d’assedio l’area lagunare ed al 13’ protesta per un contatto in area tra Ballarin e Dionisi. Altro miracolo di Luca Boscolo al 15’ quando respinge un tiro di Furlan, mentre nella ribattuta è bravo Dal Corso ad anticipare Adriano. Un colpo di testa di Beghin (24’) alto sopra la traversa ed una punizione a lato di Nicoletti (40’) sono le ultime fiammate di una gara che vede così l’ennesimo trionfo della Clodiense.

Le voci del dopo gara.

Vittadello: Dovevamo capitalizzare meglio nelle ripartenze ma a volte si vince anche soffrendo. Abbiamo adottato un atteggiamento diverso dal solito, meno propositivo, ma alla fine ciò che conta è il risultato. Luca Boscolo? E’ un portiere di categoria superiore.

Lella: Abbiamo sofferto tantissimo ma è una vittoria devastante per quanto riguarda la classifica. Siamo una squadra che sa soffrire, anche se loro hanno fatto meglio sul piano del gioco.

Dal Corso: giocare contro Adriano non era facile soprattutto sulla palle aeree, ma grazie all’aiuto dei miei compagni credo di essere riuscito a fare bene. Siamo entrati nelle prime cinque e ce la giocheremo con tutte fino alla fine.

Margherita: E’ stata durissima contro una squadra forte e organizzata. Sui loro attacchi ci siamo compattati ed abbiamo provato a ripartire. Loro avrebbero forse meritato il pareggio ma va benissimo così.

Ivano Boscolo Bielo (presidente): La sofferenza è diventata un nostro marchio di fabbrica. Siamo entrati in zona play off, non vogliamo farci illusioni ma l’appetito vien mangiando. Domenica organizzeremo un pullman per quei tifosi che vorranno seguirci a Pordenone. Per informazioni basta rivolgersi in segreteria oppure al Bar Indiga.

Parlato (tecnico Sacilese): Il portiere della Clodiense ha fatto la differenza. Non ho nulla da rimproverare ai miei giocatori. Clodiense brava ma anche tanto fortunata.

CLODIENSE-SACILESE 1-0

Clodiense (3-5-2): L. Boscolo; Dal Corso, Ballarin, D. Boscolo Berto; Barzan, Olivieri (38’st. Schiavon), Malagò, Pradolin, D. Boscolo Gioachina; Lella, Cacurio (29’pt. Margherita). A disposizione: Vianello, Niero, Bellemo, Cigna, Busetto. Allenatore: Vittadello.

Sacilese (4-3-1-2): Bazzicchetto; Grazzolo (35’st. Craviari), Beghin, Niccolini, Tonetto; Dionisi, Furlanetto (1’st. Martin), Grion; Rossi (24’st. Niccoletti); Furlan, Adriano. A disposizione: De Zordo, Sain, Rigutto, Delpapa. Allenatore: Parlato.

Arbitro: De Remigis di Teramo. Rete: pt. 7’ Lella. Note: giornata nuvolosa, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Ballarin, Olivieri, L. Boscolo, Niccolini, Furlanetto. Angoli: 11-2 per la Sacilese. Spettatori: 300 circa. Recupero: 3’pt. e 4’st.

Autore: Daniele Zennaro

Nato a Chioggia il 27 Febbraio 1967. A BCS ricopre il ruolo di direttore responsabile della testata giornalistica radiofonica e partecipa, in qualità di opinionista,  alla trasmissione sportiva del Sabato Mezzogiorno Big Match.

La sua esperienza radiofonica parte nel lontano 1986 dai microfoni di RADIO CHIOGGIA LIBERA quando assieme ad Adolfo Pagan, conduceva un programma che si chiama[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *