Do You Speak Chioggiotto?

Harakiri di Malagò e la Clodiense cade a Repen

Scritto da il 3 marzo 2013 alle 21:03
Clodiense-Malagò

Un erroraccio difensivo di Malagò, dopo un quarto d’ora di gioco, costa alla Clodiense la sconfitta dopo sei vittorie di fila.

Partita da dimenticare, di una tristezza assoluta dal punto di vista tecnico, fatta solamente di contrasti, rimpalli e pallacce cacciate in avanti alla “evviva il parroco” e senza nessun costrutto. Mai visti tre passaggi di fila, tiri in porta più rari delle mosche bianche ed emozioni ridotte al lumicino, come la speranza dei carsici di raggiungere la salvezza. Clodiense che dato l’impressione di non sapersi adattare alle circostanze, sbattendo il naso costantemente contro il muro difensivo altrui, ma soprattutto senza idee nella costruzione del gioco, con il palleggio quasi inesistente, il gioco sulle fasce completamente assente e l’impostazione dalla difesa ridotta ai soli lanci lunghi e pedalare. Di contro il Kras Repen ha avuto il merito di aggredire i portatori di palla granata, di tenere ben compatte le linee e di concedere il minimo sindacale agli attaccanti lagunari.

Vittadello parte con un 4-3-1-2 dove Olivieri è il perno tra l’attacco ed il centrocampo, ma intuisce subito che qualcosa non funziona e prova a mescolare le carte cambiando l’ordine dei fattori. Così Barzan e Davide Boscolo Gioachina si scambiano di ruolo e Busatto viene dirottato a sinistra. E così tra molte insulse fasi di (non) gioco arriva al 16′ l’episodio che decide il match: Malagò in area sbaglia passaggio servendo un assist al bacio per Pavan che ringrazia ed infila Luca Boscolo. Sotto di un gol la gara, per i granata, diventa ancora più problematica, ma fino all’intervallo non succede in pratica nulla. Ci si augura almeno che la marcetta slovena (in stile Spongebob) sparata a tutto volume dagli altoparlanti possa suonare la carica ed invece anche la ripresa offre uno spettacolo decisamente poco edificante. La cronaca segnala un retropassaggio corto di Ballarin (2′) che mette i brividi a Luca Boscolo che interviene fuori area con i piedi per fermare Knezevic, mentre, al 7′, un traversone di Pizzini è deviato dal portiere lagunare proteso in tuffo. Il primo tiro lagunare arriva al 10′ quando Bellemo, da poco entrato, sgancia un fendente dal limite che sibila alla sinistra di Budicin che invece, al 38′, è bravissimo a neutralizzare un preciso colpo di testa di Busatto. C’è poi solo il tempo di annotare l’esordio del giovane (classe ’96) Riccardo Boscolo Moretto e l’espulsione (per doppio giallo) di Bellemo. Finisce così 1-0 con il Kras a festeggiare sui ritmi ossessivi della marcetta slovena. E domenica c’è il derby con il Delta Porto Tolle.

Le voci del dopo gara.

Vittadello: Abbiamo sbagliato l’approccio mentale alla gara. Ho provato a rimediare subito cambiando qualcosa dal punto di vista tattico, ma, evidentemente non era giornata. Loro sono stati bravi a portare la gara dove volevano, mentre noi non siamo stati bravi a tenere il pallino del gioco. Gara comunque decisa da un episodio, visto che l’errore di Malagò ci è costato carissimo. Ci siamo, forse, imborghesiti e questo non va bene. Archiviamo in fretta questa gara e pensiamo a guardare avanti.

Lella: Quando prendi gol in questo campo purtroppo è finita, perchè qui è quasi impossibile giocare a calcio. Per noi attaccanti non era nemmeno facile perchè il Kras aveva due centrali di due metri che usavano molto il fisico. E poi ci siamo fatti male da soli visto come abbiamo regalato il gol.

 

KRAS REPEN – CLODIENSE 1-0

Kras Repen (4-3-3): Budicin; Pastrello, Simonin, Barbetti, Colavetta (2’pt. Russo); Capalbo, Giordano (40’st. Bozic) Sain; Pavan (24’st. Grujic), Knezevic, Pizzini. A disposizione: Giorgiutti, Costa, Periccioli, La Pasquala. Allenatore: Zupan.

Clodiense (4-3-1-2): L. Boscolo; Busatto, Ballarin, D. Boscolo Berto (9’st. Bellemo), D. Boscolo Gioachina; Barzan, Malagò, Margherita; Olivieri; Lella (47’st. R. Boscolo Moretto), Cacurio. A disposizione: Vianello, Niero, Cigna, Dal Corso, De Rosa. Allenatore: Vittadello.

Arbitro: Marchese di Cosenza.

Rete: pt. 16′ Pavan.

Note: splendida giornata di sole, terreno di gioco in discrete condizioni. Espulso al 46’st. Bellemo per doppia ammonizione. Ammoniti: Pizzini, Barzan, Margherita. Angoli: 5-4 per il Kras Repen. Spettatori: 200 circa. Recupero: 0’pt. e 4’st.

 

Autore: Daniele Zennaro

Nato a Chioggia il 27 Febbraio 1967. A BCS ricopre il ruolo di direttore responsabile della testata giornalistica radiofonica e partecipa, in qualità di opinionista,  alla trasmissione sportiva del Sabato Mezzogiorno Big Match.

La sua esperienza radiofonica parte nel lontano 1986 dai microfoni di RADIO CHIOGGIA LIBERA quando assieme ad Adolfo Pagan, conduceva un programma che si chiama[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *