Do You Speak Chioggiotto?

Riciclo creativo: lattine-bamboline fermacarte!

Scritto da il 17 febbraio 2013 alle 18:02
lattine da riciclare

C’era una volta una lattina  che si trasformò in una bambolina. Ma che dico, si trasformò in una bambolina ferma-carte!

Alle feste di paese è possibile recuperare una quantità e varietà di lattine, in una sola volta ne porterete a casa tantissime, oppure potete fare un giro al bar e chiedere di tenervele da parte.

Per realizzare la testa si disegna un ovale con pennarello indelebile a punta fine, si procede spruzzando uno smalto acrilico chiaro che segue la forma ovale, non importa se spruzzate oltre, verrà poi coperto con altri colori. Si aspetta che asciughi bene. Si disegnano su fogli di carta alcune mascherine che serviranno per coprire le parti che non si vogliono colorare con quel colore. Si aggiunge sabbia, che darà stabilità e consistenza alla lattina.

Si ritaglia un cartoncino con forma circolare che andrà calzato ed incollato nella parte alta della lattina. Si prende un foglio di carta, lo si arrotola e lo si fissa con nastro adesivo e lo si fa calzare sul cilindro, fino a metà lattina fino a coprire la parte superiore. Si aspetta che asciughi. Si spruzza con il colore scelto a piacere, si aspetta che asciughi. Si prepara una mascherina sempre in carta con un foro che lascia scoperta solo la parte dove verranno colorati i capelli. Si procede con pennarelli indelebili di vari colori a disegnare e decorare viso e vestito.

Buon lavoro!

Autore: Maria Chiara Belotti

Maria Chiara Belotti bresciana, classe 1972. Chiara per gli amici, Chiara di nome e di fatto, stilista, decoratrice, restauratrice ed, in ultimo, attrice del riciclo creativo. La mia grande passione è creare, non importa cosa, non importa con che materiale, l’importante è riuscire a dare forma alle idee.

In passato mi dedicavo alla pittura, alla ceramica, al mosaico, alla realizzazio[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *