Do You Speak Chioggiotto?

Galani, chiacchere, bugie, crostoli etc. Tanti nomi, una bontà unica!

Scritto da il 4 febbraio 2013 alle 11:02
galani

Sono tra i dolci più conosciuti del Carnevale. Hanno tantissimi nomi diversi, a seconda della regione italiana dove vengono cucinati. Bugie, cenci, struffoli, chiacchiere, cróstoli, fiocchetti, frappe, guanti, intrigoni, lattughe o latǖghe. In Veneto, nelle zone di Venezia, Verona e Padova, sono conosciuti con il nome di galani o sosole. In Sardegna hanno un nome che rispecchia perfettamente la loro bontà: maraviglias.

I galani sono delle striscioline di pasta fritte (od al forno) di vario spessore. L’impasto di base viene fatto con farina, uova, zucchero a velo, burro e lievito.

Secondo la tradizione, le  frappe- un tempo chiamate frictilia- erano dolci fritti nel grasso che nell’antica Roma venivano preparati  durante le feste goliardiche del Carnevale.

Vi proponiamo la ricetta gentilmente concessa da Sandra Valente.

Ingredienti

  • 300 g di farina bianca
  • 75 g di frumina
  • 25 g zucchero a velo
  • 1 pizzico di sale
  • 1 busta di vanillina
  • 3 uova
  • 2 cucchiai di grappa
  • 50 g di burro
  • 1/4 busta (1 cucchiaino) di lievito
  • olio di semi di arachidi per friggere

Procedimento

galaniSetacciate sul piano del tavolo la farina mescolata con la frumina. Al centro del mucchio fate un buco e mettete lo zucchero a velo setacciato, il sale, la vanillina, le uova e la grappa. Lavorate gli ingredienti incorporando parte della farina, fino a formare un impasto denso, quindi aggiungete il burro liquefatto tiepido e, per ultimo, il lievito setacciato ed incorporate la farina rimanente. Impastate rapidamente il tutto con le mani, fino ad ottenere un impasto liscio. A questo punto dividete l’impasto in 3 parti e stendetele, una dopo l’altra, in sfoglie sottilissime. Con la rotellina tagliate le sfoglie in rettangoli e praticate uno o due taglietti al centro. Friggete in abbondate olio bollente, mantenendo la temperatura costante durante la cottura. Girate i galani, in modo che diventino dorati sulla superficie, toglieteli dall’olio e lasciateli sgocciolare su carta assorbente. Quando i vostri galani saranno raffreddati cospargeteli con il zucchero a velo.

Se volete dare una forma diversa potete farli più piccoli e modellare la pasta a mo’ di fiocchetto.

Autore: Sara Ferro

Mi chiamano Sara, vivo da sempre a Chioggia e sono nata il 12 ottobre 1979.

Lo stesso giorno nel 1492 Cristoforo Colombo scoprì l’America. Dal genovese ho imparato che l’America è quasi sempre dove non te l’aspetti. Lo stesso giorno nel 1938 iniziarono le riprese del film Il Mago di Oz, tratto da uno dei miei libri preferiti. Sono sempre alla ricerca di qualcosa, da qua[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *