Do You Speak Chioggiotto?

Frecce Tricolori il 14 luglio di nuovo a Sottomarina

Scritto da il 28 febbraio 2013 alle 11:02
frecce tricolore Sottomarina

È ufficiale. Il prossimo 14 luglio le Frecce Tricolori sorvoleranno di nuovo il cielo della spiaggia di Sottomarina per regalare al pubblico sempre numeroso uno spettacolo di acrobazie aeree unico nel suo genere.

Le Frecce Tricolori, il cui nome per esteso è Pattuglia Acrobatica Nazionale, costituente il 313º Gruppo Addestramento Acrobatico, sono la pattuglia acrobatica nazionale (PAN) dell’Aeronautica Militare Italiana, nate nel 1961 in seguito alla decisione dell’Aeronautica Militare di creare un gruppo permanente per l’addestramento all’acrobazia aerea collettiva dei suoi piloti. Con dieci aerei, di cui nove in formazione e uno solista, sono la pattuglia acrobatica più numerosa del mondo, ed il loro programma di volo, comprendente una ventina di acrobazie e della durata di circa mezz’ora, le ha rese tra le più famose. Dal 1982 utilizzano gli Aermacchi MB-339PAN, e la sede è l’aeroporto di Rivolto (UD).
– Wikipedia

Guarda le frecce tricolore a Sottomarina nell’estate 2011

Note
Foto Alberto Padoan

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

2 Commenti

  1. mattia

    3 giugno 2013 at 19:07

    ma chi paga? con tutte le strade piene di buche la crisi ,le famiglie in difficolta buttiamo i soldi per queste stronzate!!!

  2. Andrea

    15 luglio 2013 at 10:29

    Proprio chi paga! ieri dopo aver pagato parcheggio, ombrellone, lettini… alle 16.00 sembrava di essere entrati in guerra! forze dell’ordine a volontà con mezzi e quant’altro a vietarti la spiaggia! ho preso e sono andato a casa. Si vede che la pubblica amministrazione non sente la crisi!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *