Do You Speak Chioggiotto?

ChioggiaLab segnala il degrado della “zona stazione”

Scritto da il 10 febbraio 2013 alle 18:02
Stazione degrado 1

Il quartiere adiacente la stazione dei treni di Chioggia, oltre che la stazione stessa, è da sempre una delle zone morte della città, da anni in totale abbandono, con conseguente degrado delle strutture della stazione e dell’area circostante.

Arriva in queste ore, da parte dell’associazione culturale Antigone che da ormai 8 anni autogestisce gli spazi del ChioggiaLab, la denuncia dello stato di degrado  in cui versa quella zona “dimenticata da chi gestisce la cosa pubblica”.

Scrivono nel loro comunicato i ragazzi dell’associazione: “ci sembra doveroso segnalare alla cittadinanza una situazione che non è risolvibile con le nostre sole forze e che continua a peggiorare di giorno in giorno. Basta girare l’angolo dalla zona dei binari e ci si ritrova in una vera e propria discarica a cielo aperto, dove sono ammassati rifiuti di tutti i tipi”.

I ragazzi del ChioggiaLab segnalano come ci sia in quella zona un continuo abbandono di rifiuti, anche dei più curiosi: cartelli stradali di grandi dimensioni, pezzi di caldaie, tubature, oltre a vestiti, materassi e altri oggetti che fanno ipotizzare un viavai quotidiano.

La “Casa dei canevini” è inoltre segnalata come edificio pericolante, tanto che sulle pareti sono stati affissi dei cartelli dal Comune di Chioggia che ne vietano l’accesso.

Chiudono il  comunicato, apparso sul blog “www.chioggialab.org“, segnalando il lavoro svolto da loro in questi anni e come le varie amministrazioni che si sono susseguite al governo della città, abbiano mostrato sempre totale disinteresse per quella zona.

 

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *