Do You Speak Chioggiotto?

Tendenza moda: lo stile di “Audrey” non tramonta mai

Scritto da il 15 gennaio 2013 alle 10:01
audrey_hepburn

Vent’anni fa moriva un’icona di stile ed eleganza ineguagliabile: Audrey Hepburn. Noi tutti la ricordiamo con un tubino nero di Givenchy e un paio di occhiali da sole Chanel, ma la sua eleganza sobria e pulita ha segnato un’epoca. In un periodo in cui i canoni di bellezza facevano riferimento a donne come la Loren o Marilyn Monroe, quindi donne con le curve, si impose la  figura esile di Audrey, con gli occhi da cerbiatta ma molto femminile. All’anagrafe Audrey Kathleen Ruston, la Hepburn, figlia di un banchiere inglese e di una baronessa olandese, acquisisce il cognome con il quale diverrà famosa dalla nonna paterna. Nata a Bruxelles nel 1929, muove i primi passi sulle punte, sognando di diventare una grande ballerina. Il destino la fa approdare a Londra, dove quasi per caso si trova su un set cinematografico. Per la Hepburn è l’inizio di una carriera costellata da grandi successi. Professionista instancabile, oltre che donna attenta alle esigenze della propria vita privata, Audrey, alla fine degli anni Sessanta, all’apice del successo abbandona il cinema, per dedicarsi alla famiglia e porsi al servizio del volontariato.

   

Il grande pubblico la ricorda in “Vacanze Romane” che la consacrò come icona di bellezza: bruna, sottile, senza seno, viso romantico. Affascinò tutti. Il regista William Wyler disse: ”Quando ho rivisto le prime scene del film, ho improvvisamente saputo che il mondo intero si sarebbe innamorato di lei“. Storica la sua immagine quando gira in vespa per Roma con Gregory Peck: uno stile perfetto. Altro film importante di Audrey fu “Sabrina” ; il regista Billy Wilder dichiarò: ”Con lei è arrivata la classe…”. Come scordare la sua colazione, con caffè e croissand caldo in “Colazione da Tiffany” o pronta per il ballo in “My fair lady”?

Bellissima anche vestita “normalmente” nella sua indimenticabile esecuzione di Moon River

Ecco Audrey nella vita privata e nei vari set cinematografici:

   

   

Audrey aveva una figura sottile, senza curve, ma con il centro vita ben segnato ed è proprio la sua esilità il punto forte. Per copiare il suo look prediligete le linee pulite, rigorose, quasi maschili. Capi basic che indossati rischiano di farvi passare inosservate, ma se portati come Audrey vi faranno essere impeccabili. Ecco alcuni punti fissi :

  • Le ballerine
  • Tubino nero
  • Pantalone nero capri e a sigaretta
  • Decoltè classiche
  • It bag
  • Make up anni ’50
  • Foulard da annodare al collo
  • Camicette maschili
  • Filo di perle
  • Capelli corti e raccolti

Alcune curiosità sullo “Stile Audrey”. Portava i tacchi solo nei film, nella vita privata prediligeva le ballerine o tacchi a spillo molto bassi, 3/5 centimetri. Anche gioielli e pelliccie li indossava solo sul set, nella vita privata li metteva molto di rado.

Ecco alcuni spunti che potete copiare per un Audrey’s style

   

Autore: Elisa Boscolo Forcola

Ciao mi chiamo Elisa, per gli amici Eli o Laeli tutto attaccato. Sono nata il 7 novembre del ’74 e mi sono diplomata ragioniera nel ’93. Sono sposata con Gianni Nardo e sono mamma di Giuly, la mia splendida cucciola. Lavoro come speaker a Radio BCS e conduco, insieme a mio marito, il programma “Riservato per 2”.

Amo la musica, le passeggiate, il fitness, le chiacc[...]

Leggi il resto su .