Do You Speak Chioggiotto?

La Clodiense vince il recupero e si porta a meno 3 dai play off

Scritto da il 30 gennaio 2013 alle 22:01
Clodiense Pradolin e Acka

Terzo successo di fila della Clodiense che si aggiudica anche la gara di recupero con il Belluno me si porta a soli tre punti dai play off. Partita non brillantissima sotto il profilo delle occasioni, giocata a ritmo non proprio altissimo, ma comunque equilibrata ed incerta sino alla fine. L’ha comunque spuntata la squadra di Mario Vittadello che ha puntato al sodo, senza particolari fronzoli, preferendo la clava al fioretto.

Clodiense che ha capitalizzato al massimo il gol segnato dal solito Lella (al tredicesimo centro in campionato) in avvio di gara, per poi chiudere tutti gli spazi e non lasciare agli avversari alcuna possibilità di verticalizzazione. Si parte con gli schieramenti delle due squadre piuttosto speculari, visto che entrambe si presentano con il 4-4-2 anche se con caratteristiche diverse. La Clodiense stavolta affianca Boseggia a Lella in avanti e riconferma Busatto al centro della difesa. Si rivede anche Margherita, un po’ arrugginito da qualche settimana di assenza. Anche il Belluno opta per lo stesso modulo. Corbanese e Radrezza hanno il compito di impensierire la difesa granata ma, di fatto, non riescono quasi mai a rendersi pericolosi.

La Clodiense prova subito a fare la voce grossa al 5’ con una incornata di Busatto che sbatte sul muro dei difensori avversari. Un minuto più tardi, tuttavia, i lagunari passano in vantaggio: Schiavon pesca in profondità Lella che prende sulla velocità il difensore avversario, salta il portiere allargandosi e deposita in rete. Si attende la reazione del Belluno che però si fa vedere solamente con un tiro al velo fiacco e a lato di di Masoch al 14’. Più pericolosi i granata sul finale di tempo. Al 30’ stupendo assist volante di Pradolin per Lella che batte di controbalzo ma non trova la porta ed infine, proprio al 45’, Boseggia non riesce ad agganciare davanti al portiere Rossetto un preciso lancio di Ponce.

Nella ripresa mister De Cet (che sostituiva in panchina Raschi, rimasto a Belluno per impegni professionali) riporta il colored Acka nel suo ruolo naturale di mezzo sinistro a metà campo e dopo un primo tempo anonimo, il giocatore ripaga con una buonissima prestazione. Tuttavia è sempre la Clodiense ad essere più pericolosa. Al 5’ Ponce serve Boseggia che entra in area ma allarga troppo il diagonale con la palla che esce di qualche centimetro. Al 22’ è ancora Lella ad impensierire, addirittura da terra, il portiere Rossetto che riesce a respingere il tiro ravvicinato. Il Belluno prova a far girare palla ma confeziona una sola occasione al 31’ quando Corbanese, su cross di Mosca, si lancia a volo d’angelo colpendo di testa ma spedendo a lato da ottima posizione. E’ l’ultima azione di una partita che ha nell’infortunio di Dell’Andrea (sospetta distorsione al ginocchio) l’unica nota negativa di giornata.

CLODIENSE-BELLUNO 1-0

Clodiense (4-4-2): Ziliotto; Bellemo, Ballarin, Busatto, Niero; Schiavon (22’st. Dell’Andrea, 31’st. Dal Corso), Ponce, Margherita, Pradolin; Lella, Boseggia (17’st. Olivieri). A disposizione: L. Boscolo, Malagò, D. Boscolo Berto, Cacurio. Allenatore: Vittadello.

Belluno (4-4-2): Rossetto; Gallonetto, Brustolon, Sommacal, Mosca; Acka, Moretti (27’st. Capraro), Masoch (39’st. Padovan), Duravia; Corbanese, Radrezza. A disposizione: Solagna, Panciera, Paganin, Brichese, De Filippo. Allenatore: De Cet.

Arbitro: Liguori di Bergamo.

Rete: pt. 6’ Lella. Note: giornata grigia, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Niero, Ponce, Lella, Margherita, Gallonetto, Acka. Angoli: 2-1 per la Clodiense. Spettatori: 150 circa. Recupero: 1’pt. e 4’st.

Note
Foto: Rasty

Autore: ChioggiaTV

ChioggiaTV nasce nell’estate del 2009 come webtv che racconta tutto ciò che di bello accade in città. L’esperienza nel campo della comunicazione di Gianni Nardo, speaker storico e direttore artistico di Radio Bcs, e le competenze tecniche nella realizzazione di immagini e video di Daniele Monaro e Giovanni Rubin (ex Fotografica) si fondono e danno vita ad un prodotto locale nuovo, moderno[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *