Do You Speak Chioggiotto?

Chioggia Danza: talenti chioggiotti crescono!

Scritto da il 18 gennaio 2013 alle 11:01
federico1

Andrà in scena domenica 20 gennaio, alle ore 17.00, presso l’Auditorium San Nicolò di Chioggia, il terzo spettacolo in programma nella rassegna Chioggia Danza. Ospite la compagnia Junior del Teatro Nuovo di Torino con due lavori: Porta Palazzo e Carmina Burana del coreografo Antonio Della Monica.

A ballare in questa compagnia ci sono due giovani talenti chioggiotti, Federico Boscolo e Nicola Tiozzo. Entrambi a 15 anni, durante gli stages di Chioggia Danza Estate, organizzati dal Centro Formazione Danza e Ginnastica di Chioggia, sono stati notati dal coreografo Antonio Della Monica, insegnante anche presso il Liceo Coreutico di Torino, che li ha invitati, offrendo loro una borsa di studio, a frequentare la Scuola del Teatro Nuovo di Torino. Si sono così ritrovati, giovanissimi, a vivere e studiare lontani dalla loro città e dai loro cari, una sfida non da poco, ma che oggi possiamo dire, a distanza di qualche anno, hanno superato alla grande, crescendo molto come persone e come ballerini.

Abbiamo avuto modo di scambiare due chiacchiere con uno di loro, Federico, così gli abbiamo rivolto qualche domanda per conoscerlo meglio e conoscere la sua esperienza.

Federico, quando hai capito di amare la danza e come è stato il tuo approccio a questa disciplina?

La danza credo sia nata con me; sin da quand’ero ero molto piccolo ad esempio, passeggiando nel centro storico, a mano con mia mamma, saltellavo e accennavo istintivamente passi di danza. Mia mamma fortunatamente mi ha sostenuto fin da subito e mi ha aiutato nella realizzazione del mio piccolo, grande sogno! È stata la persona che mi ha accompagnato nel mio percorso di studio, e mi ha iscritto a scuola di danza, al Centro Formazione Danza, dove mi sono subito sentito nel mondo che sognavo.

Come siete entrati, insieme a Nicola, a far parte della Scuola del Teatro Nuovo di Torino?

L’invito è arrivato alla fine di uno stage di Chioggia Danza Estate, dove il coreografo Antonio Della Monica, diventato poi il mio insegnante a Torino, ha chiesto a me e Nicola di far parte della scuola, con borsa di studio di 5 anni!
Per problemi organizzativi però ho rimandato di un’anno, ma adesso eccomi qui proprio con la compagnia Junior del Teatro Nuovo di Torino a ballare nella mia città!

Come hai vissuto inizialmente l’allontanamento da casa, dalla famiglia, dagli amici?

Inizialmente l’allontanamento dalla famiglia è stato duro; non conoscevo Torino, ma sentivo l’appoggio della mia famiglia e della mia cara maestra Francesca Serafini. Lei mi sostenuto nei momenti più difficili. Crescendo poi, la distanza è diventata un problema minore, non mi spaventa più anzi, direi quasi che mi manca Torino quando sono a casa, è una bellissima città, come Chioggia del resto!

Le tue aspirazioni future?

Studiare e cerco di conoscere sempre di più il mio corpo e le sue capacità, per arrivare al massimo delle mie potenzialità, perché bisogna sempre puntare a qualcosa di più di quello che si pensa di poter dare e fare. Per il futuro non so di preciso, ora penso a studiare, perché non si finisce mai di imparare e poi chissà; magari un giorno riuscirò a fare della danza la mia professione. Vivo il presente cercando di sfruttarlo al meglio, il futuro è una conseguenza!

Da canto nostro, facciamo un grosso in bocca al lupo a Federico e Nicola e ci auguriamo che la loro esperienza possa essere uno stimolo per altri talenti chioggiotti.

Le passioni arricchiscono, rendono persone migliori, con una marcia in più. Non smettete di coltivarle, per niente e nessuno!

Autore: Sara Scarpa

Ciao sono Sara Scarpa, classe 1980, originaria della piccola isola di Pellestrina, migrata a 26 anni in terraferma, ma sentimentalmente legata alla terra natia che frequento assiduamente nel periodo estivo, per godere della fantastica spiaggia, della quiete ed ovviamente per andare a trovare i miei genitori!

Amo i ‘sani’ piaceri della vita, il buon cibo, il buon vino, la buona birra[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *