Do You Speak Chioggiotto?

Chioggia antica d’inverno. I racconti dei nonni

Scritto da il 29 gennaio 2013 alle 12:01
CHIOGGIA ANTICA1

Voglio raccontarvi un po’ di curiosità della nostra città all’epoca dei nostri nonni.

I vari venditori di ortaggi, formaggi e pesce, che avevano bottega nelle vicinanze del palazzo del Granaio, durante l’inverno erano soliti recarsi di buon mattino, per far colazione, dalla Nina Capolina, che vendeva la dòsa (acqua bollita con miele e scorza di limone) a tre centesimi al bicchiere. La Nina vendeva sempre la dòsa molto calda perché il recipiente che la conteneva era sempre posto sopra ad un fornello di carboni. Gli acquirenti inzuppavano nel bicchiere di dosa uno o due pani, con o senza uva passa, mentre la Nina a gran voce chiamava al grido di: “vegnì fioi da la Nina Capolina a scaldarve la man e la boca”.

Nel pomeriggio, sempre in prossimità del Granaio che allora si presentava ancora con le colonne in marmo che lo sorreggevano, el Patòla la faceva da padrone per la vendita di “tripa, curadèla e scarnusso” (trippa,polmone ed esofago di manzo). Teneva sempre la sua mercanzia al caldo, dentro una grande piadena. Il Nasarèno, invece, faceva affari d’oro con la vendita delle “sème brustolae”. Fra i numerosi avventori si distinguevano i pescatori, che usavano portare vistosamente i semi di zucca alla bocca per aprirli e mostravano in tal modo le grosse vere d’oro, le fedi nuziali che portavano al dito.

Verso sera, in clima decisamente bohemienne, nello stradale del ponte della pescheria c’era la vendita delle granseole, dei buli e delle canoce lessate in banchetti illuminati da candele, che cartocci di carta colorata riparavano dal vento.

Ed ora che tradizioni sono rimaste? In gran voga el gabiotin delle creme fritte con cioccolata calda e storti, la pizza del Castagnaccio buona a tutte le ore, spritz a go go, bar con tende per star al caldo, pasticcerie. Siamo un popolo di buongustai e possiamo variare sempre dal dolce al salato. Proviamo a chiedere ai nostri nonni se sentono malinconia per quei tempi e magari scaldiamoci insieme a loro con una bella dòsa calda.

http://blog.libero.it/Chioggiatv/9567165.html

 

Autore: Elisabetta Donaggio

“I am he as you are he as you are me and we are all together”.  Mi piace partire con l’inizio di “I’m the walrus”, surreale canzone dei Beatles per presentarmi. Sono nata alla fine di luglio di …enta anni fa;insegno alla scuola Primaria. Sono vegetariana convinta dal 1996, amo la natura e la pace, vivrei di anguria e zucchero filato, AMO CHIOGGIA città “cubo di Rubi[...]

Leggi il resto su .

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *